FANDOM


"316" è il sesto episodio della Quinta stagione di Lost, il novantaduesimo dell’intera serie. I sei della Oceanic scoprono come fare ritorno sull’Isola, ma non tutti vogliono tornare. Ben cerca di trovare un modo per convincerli ma l’impresa appare subito molto ardua.

TramaModifica

Fuori dall'IsolaModifica

LampInterior

La Stazione Lampione

A Los Angeles Eloise Hawking accoglie Jack, Sun, Ben e Desmond all’interno della chiesa. La donna conduce i quattro compagni giù per una stretta scala a chiocciola e, in fondo ad essa, apre una porta blindata che reca una targa del progetto DHARMA. Una volta aperta la porta Eloise introduce i quattro all’interno di una stanza che contiene una mappa del planisfero terreste stesa a terra, un pendolo che oscilla sopra di essa ed una serie di computer che stanno elaborando dei dati. Eloise spiega che si trovano in una stazione della DHARMA Initiative: si tratta della Stazione Lampione. La donna aggiunge che, tramite quella stazione, i membri del progetto Dharma trovarono lIsola.

Jack chiede a Ben se conosceva l’esistenza del Lampione: Ben nega di conoscerla ma quando Jack chiede a Eloise se Ben ha detto la verità lei dice che probabilmente non l’ha fatto. Jack esamina le equazioni su una lavagna e nota una fotografia dell'Isola che reca la scritta "23/09/54 - U.S. Army - OP 264- Top Secret - Eyes Only". Eloise spiega poi che il Lampione fu creato diversi anni fa sopra una sacca di energia magnetica: questa sacca è collegata a molte altre sparse in tutto il mondo. Le persone che costruirono la stazione erano interessate a solo una di esse, quella dell’Isola, ma malgrado fossero a conoscenza della sua esistenza non sapevano dove trovarla. Grazie alla mente geniale di un uomo venne quindi costruito il pendolo per trovare l’isola: l’uomo riteneva infatti che l’isola non dovesse essere cercata laddove sarebbe dovuta essere ma bensì laddove essa sarebbe stata.

L'Isola è infatti in perenne movimento: per quel motivo i superstiti del Volo 815 non furono mai salvati. L’uomo fu anche in grado di costruire delle equazione attraverso le quali è possibile determinare il luogo ed il momento in cui l’Isola si trova. Si tratta di sfruttare delle finestre temporali che, una volta aperte, posso permettere il ritorno sull’Isola. Eloise consegna poi un fascicolo a Jack dicendogli che la prossima finestra temporale si chiuderà esattamente fra 36 ore.
Warning

Desmond mette in guardia Jack su Eloise

Dopo aver sentito il discorso di Eloise Desmond chiede ai compagni se vogliano veramente fare ritorno sull’Isola. Sun risponde affermativamente. Desmond spiega allora che Daniel Faraday, il figlio di Eloise, gli ha detto che solo sua madre sarà in grado di salvare tutte le persone che sono sull’Isola e che tutti loro hanno bisogno del suo aiuto. Mentre sta per andarsene dopo aver consegnato il suo messaggio Eloise gli dice che l'Isola non ha ancora finito con lui. Desmond, arrabbiato, dice ai compagni che lui, seguendo le indicazioni di quella donna, ha perso quattro anni della sua vita. L’uomo poi dice a Jack che quella gente sta usando tutti loro come delle pedine per i loro scopi e che non si devono fidare. L’uomo aggiunge poi che anche se l’Isola non ha finito con lui, lui ha comunque finito con l’Isola. Poi Desmond, furibondo, abbandona la stanza.

Eloise, per nulla turbata, spiega a Jack che il dossier che gli ha consegnato contiene un elenco di tutti i voli che passeranno esattamente nel luogo e nel momento esatto in cui l’Isola si troverà per le prossime 30 ore. C’è il volo Ajira Airways Volo 316 diretto da Los Angeles a Guam che passerà esattamente nel luogo e nel momento giusto. Tutti loro devono prendere quel volo se vogliono tornare sull’Isola. Non solo: ognuno di loro dovrò creare in modo più preciso possibile tutte le condizioni che li hanno condotti sull’Isola la prima volta. Nel caso in cui gli altri loro compagni si rifiutassero di unirsi a loro per tornare sull’Isola il risultato sarebbe imprevedibile.

Prayingredux

Jack e Ben nella chiesa

Eloise conduce Jack in un’altra stanza della chiesa, in quello che sembra essere il suo ufficio: la donna consegna a Jack una busta che contiene una lettera scritta da Locke appena prima di suicidarsi. Sulla busta c’è il nome di Jack. Eloise spiega a Jack che John con la sua scelta di impiccarsi permetterà a tutti loro di tornare sull’Isola. Quando Jack le chiede spiegazioni Eloise spiega che John sarà il sostituto di Christian Shephard. L’unica cosa che Jack deve fare è dare a John Locke qualcosa che apparteneva a suo padre in modo da ricreare il meglio possibile tutte le condizioni che hanno permesso loro di arrivare sull’Isola la prima volta. Jack chiede ad Eloise come sia possibile che quello che lei dice accada: la donna ribatte che Jack non deve chiedersi come sia possibile ma piuttosto se sia possibile. Questo è il motivo per cui viene chiamato atto di fede.

Nella chiesa intento, Ben è inginocchiato e prega rivolto verso l’altare. Jack raggiunge Ben e si siede in un banco accanto al suo. Jack chiede dove si trovi Sun e Ben risponde che la donna è uscita fuori. L’uomo chiede poi dove si trovi il corpo di Locke e Ben risponde che al momento lo sta conservando una sua amica e che lui andrà a prenderlo quando partiranno per andare all'aeroporto. Mentre Ben accende una candela, Jack gli chiede ancora chi sia Eloise, perché li stia aiutando e come faccia a sapere tutte quelle cose. Per tutta risposta Ben guarda il quadro accanto alle candele, l'Incredulità di San Tommaso di Caravaggio e spiega a Jack che l'apostolo Tommaso fu uno dei primi a proporre di accompagnare il Signore quando questi decise di andare a Gerusalemme dove sapeva che sarebbe stato ucciso. Tommaso è però diventato famoso perché non credette subito alla resurrezione del Cristo. Jack chiede a Ben se l'apostolo infine si fosse convinto: Ben risponde che, prima o poi, tutti si convincono. Quando l’uomo si dirige poi verso la porta della chiesa Jack gli chiede dove stia andando. Ben risponde che sta andando a mantenere una promessa fatta ad un vecchio amico, una piccola cosa che deve concludere da tempo. Poi Ben dà appuntamento a Jack all’aeroporto ed esce dalla chiesa.

Grandad

Ray Shephard, il nonno di Jack

Più tardi, seduto in un bar davanti a un drink non ancora consumato, Jack riceve una telefonata da un centro di assistenza. Più tardi, arrivato nella casa di riposo, Jack viene avvisato da un dipendente che uno dei loro assistiti ha tentato di fuggire: se la cosa si ripeterà saranno costretti a trasferirlo in un altra clinica. Raggiunta una sala comune Jack saluta un anziano di nome Ray. Nella camera di Ray Jack osserva una valigia pronta sul suo letto. Ray spiega che prima o poi riuscirà a fuggire perché qualunque posto è migliore di quello in cui si trova. Quando Jack aiuta suo nonno a disfare la valigia nota al suo interno un paio di scarpe nere. L’uomo chiede allora a Ray, suo nonno, se quelle scarpe siano sue. Ray spiega che quelle scarpe sono di Christian, suo figlio e padre di Jack e che sua madre gliele ha mandate dopo la morte di Christian. Jack, pensieroso, chiede al nonno se può prendere quelle scarpe: Ray gliele offre volentieri.

Kissandmakeup

Jack e Kate si baciano

Jack ritorna a casa e sta per versarsi un bicchiere di whisky quando improvvisamente sente un rumore sospetto. Quando raggiunge la sua camera da letto Jack trova Kate al buio, coricata sul letto e in lacrime. Kate gli dice che se lui è ancora intenzionato a tornare sull'Isola lei andrà con lui. Quando Jack le chiede perché abbia cambiato idea e dove sia Aaron Kate non risponde e gli fa promettere, se davvero vuole che lei torni con lui sull’Isola, non dovrà mai più farle quella domanda. Jack acconsente. Kate lo bacia appassionatamente ed i due si lasciano cadere sul letto. Il mattino successivo Jack prepara a Kate un caffè macchiato ed un bicchiere di succo d’arancia. Kate chiede a Jack a chi appartengano le scarpe nere che sono sul mobile: Jack risponde che erano di suo padre. L’uomo le spiega che quando suo padre morì sua madre voleva fargli calzare delle scarpe eleganti. Jack la convinse a mettergli invece un paio di scarpe da tennis perché, confessa, secondo lui suo padre non meritava nulla di più. Quando Kate gli chiede perché lui non si liberi di qualcosa che lo fa soffrire Jack resta perplesso ed in silenzio.

In quel momento il telefono di Jack suona e Kate esce di casa dando appuntamento a Jack all’aeroporto. Una volta uscita la ragazza Jack risponde al telefono: dall’altro lato della cornetta c’è Ben, bagnato fradicio ed insanguinato su quello che sembra un pontile. Ben, che chiama da un telefono pubblico, spiega a Jack di aver avuto un contrattempo e gli chiede di passare a recuperare il corpo di Locke al Simon Butcher Shop. Jack nel negozio indicato, un macellaio, e bussa: Jill viene ad aprirgli dimostrandogli di conoscerlo malgrado lui non la abbia mai vista. Poi la donna conduce Jack sul retro della macelleria dove si trova la bara di Locke. Mentre Jill va a prendere il furgone su cui poi caricheranno la bara Jack apre la bara e sostituisce le scarpe di Locke con quelle di suo padre. Durante questa operazione Jack dice a Locke che, ovunque lui sia, si starà sicuramente sbellicando dalle risate vedendolo fare quello che sta facendo: Jack dice di sembrare fin più pazzo dello stesso John. Poi, appena prima di chiudere la bara, Jack deposita la lettera di John all’interno della bara dicendo al suo amico che si sono già detti tutto quello che c’era da dire.

Ajirowned

Jack prenota un biglietto Ajira

Più tardi, all'aeroporto di Los Angeles, Jack è al check-in dell’Ajira Airline: lo stewart informa Jack che per permettere il trasporto della salma di John sarà necessario effettuare una supervisione all'interno della bara. In quel momento Jack nota Kate che cammina a testa bassa fra la folla. Mentre si allontana dal check-in un Caesar gli offre le sue condoglianze: Jack ringrazia e si allontana. Poco dopo, mentre osserva la gente in fila davanti ai metal detector, Jack incontra Sun: la donna gli dice che se c'è la minima possibilità che Jin sia vivo allora lei deve tornare sull'Isola. In quel momento i due scorgono Sayid, con le manette ai polsi, che viene accompagnato oltre il metal detector da una poliziotta.

All'imbarco, poco dopo, Hurley siede nervosamente stringendo la custodia di una chitarra. Un’hostess informa i passeggeri che sul volo ci sono ancora 78 posti liberi. Hurley raggiunge di corsa il banco dell’hostess e la informa che quei posti non sono liberi perché lui li ha acquistati tutti. Quando la donna fa notare a Hurley che altre persone potrebbero usufruire di quei posti il ragazzo ribatte seccamente che prenderanno il volo successivo. Jack vede Hurley e gli chiede come abbia fatto a sapere del volo: Hurley risponde che l’importante è che sia lì con loro. Poi i due si dirigono verso l’aereo.

Jack sale sull’aereo ed osserva che Sun, Sayid e Kate sono già seduti suoi loro sedili: ognuno dei compagni, però, finge di non conoscere gli altri. Poco dopo Hurley entra nell’aereo e prende posto a sua volta. Quando il portello sta per essere chiuso Ben entra di corsa mostrando il suo biglietto di imbarco: l’uomo ha una serie di ferite sul volto ed ha un braccio appeso al collo. Quando Hurley vede Ben si agita molto ed afferma che non sapeva che Ben sarebbe stato sul volo. Jack si avvicina e sussurra a Hurley che la presenza di Ben è necessaria per poter tornare sull’Isola. Hurley si calma e si siede. Mentre Ben raggiunge il suo posto una delle assistenti di volo dice a Jack che durante il controllo della bara la sicurezza ha trovato qualcosa che gli apparteneva: la busta di con la lettera che Locke gli aveva scritto. Jack, malvolentieri, prende la lettera e la mette nela tasca interna della giacca ignorando la domanda di Ben che gli chiede di cosa di tratti.

Sober

Frank incontra Jack sul Volo 316

Jack chiede a Ben che cosa succederà agli altri passeggeri del volo 316: Ben, seraficamente, gli chiede che cosa gliene importi. Poco dopo l’aereo decolla mentre tutti I passeggeri trattengono il fiato. Una volta raggiunta la quota di crociera il capitano spegne l'avviso di che obbliga a tenere allacciate le cinture. Jack raggiunge Kate e le chiede se non sia strano che tutti loro, insieme, siano alla fine riusciti a prendere quel volo. Kate ribatte che loro non sono assieme: sono semplicemente sullo stesso volo. In quel momento il capitano dà il benvenuto ai passeggeri e si presenta come Frank Lapidus. Sorpreso Jack chiede all'assistente di volo di dire al capitano, un suo amico, che lui vorrebbe salutarlo. Poco dopo Frank, pulito e rasato, esce dalla cabina di pilotaggio e saluta allegramente Jack. L‘uomo dice di aver iniziato a lavorare su quel volo 8 mesi prima. Improvvisamente Frank nota con immenso stupore che fra i passeggeri ci sono anche Hurley, Sayid, Sun, Ben e Kate. Al colmo della sorpresa l’uomo chiede a Jack se loro stiano veramente andando a Guam.

5x16 ReadingANote

Jack legge la lettera di Locke

E' notte. Sull'aereo Ben legge Ulysses. Jack gli chiede come faccia a leggere in quel momento e Ben risponde sarcasticamente che gliel’ha insegnato sua madre e che è molto meglio fare così piuttosto che aspettare qualcosa. Jack osserva pensieroso la lettera di John e spiega a Ben che aveva messo la lettera nella bara di Locke. Però malgrado tutto, alla fine sembra che tutto congiuri in modo che lui la legga, come se fosse lo stesso John a volere che lui la legga. Ben chiede a Jack se lui non voglia leggerla per paura di leggere che Locke lo incolpi del suo suicidio. Jack chiede a Ben se secondo lui è colpevole della morte di Locke: Ben ribatte che Jack non ha colpe per quella disgrazia. Poi, alzandosi, si allontana per lasciargli un po’di privacy.

Dopo alcuni tentennamenti Jack apre la lettera e legge un’unica frase: “Jack, vorrei che mi avessi creduto. JL”. In quel momento una turbolenza investe l’aereo. Le spie che consigliano di allacciare le cinture di sicurezza si accendono e tutti i passeggeri se le allacciano. Mentre la turbolenza scuote sempre più forte l’aereo Hurley consiglia al suo vicino di sedile di allacciarsi le cinture. Mentre l’aereo viene scosso violentemente ed un hostess viene scagliata contro una paratia dell’aereo una fortissima luce bianca investe l’abitacolo accompagnata dal suono di uno spostamento temporale.

Sull'Isola (1977)Modifica

Wereback

Jack, Kate e Hurley tornano sull'Isola

L'occhio di Jack si apre di scatto quando l’uomo si sveglia tra in una foresta di canne di bambù: indossa un vestito con giacca e cravatta. Jack si guarda attorno stupito e si accorge di avere in mano un frammento di quella che sembra una lettera: su di essa si legge “Io vorrei” (I wish). In quel momento Jack sente le grida di aiuto lanciate da qualcuno e corre in soccorso della voce: arrivato sulla cima di una cascata Jack scorge Hurley che annaspa nell’acqua sottostante. Jack si tuffa nel laghetto e raggiunge a nuoto Hurley che si sta aggrappando alla custodia di una chitarra. Una volta portato in salvo Hurley Jack si accorge che Kate giace sulla riva del laghetto: la ragazza è svenuta. Jack nuota fino a lei e la sveglia. Kate, sorpresa si guarda attorno stupita: Jack le dice che sono riusciti a tornare sull’Isola.

Jin dharma

Jin abbassa il fucile riconoscendo gli amici

I tre amici, increduli, si chiedono gli uni gli altri chi si ricordi dello schianto dell’aereo: nessuno di loro riesce a ricordarsi della cosa ma solo di una luce bianca fortissima che li investiva, poi si sono ritrovati sull’Isola. Hurley, Kate e Jack si guardano attorno in cerca degli altri passeggeri o dei resti dell'aereo. Nulla. Jack suggerisce allora ai compagni di dividersi e di perlustrare la giungla in cerca di altri sopravvissuti. In quel momento, però, una musica sempre più forte comincia a farsi sentire anticipando l’arrivo di un Furgoncino DHARMA che si ferma poco dopo in riva al laghetto. Un uomo armato di fucile e vestito con un completo DHARMA scende dal furgone e punta il fucile contro i tre. I quattro si guardano l’un l’altro, si riconoscono e l'uomo, incredulo, abbassa il fucile: si tratta di Jin.

CuriositàModifica

GeneraleModifica

  • Il titolo dell'episodio si riferisce al numero del volo dell'aereo che permette ai Oceanic 6 di tornare sull'Isola.
    • Questo episodio è stato messo in onda il 18 febbraio negli Stati Uniti. A partire da questo giorno, mancano 316 giorni alla fine dell'anno.
    • Casualmente, il numero dei passeggeri del Volo 815, sottraendo chi è riuscito a scappare dall'Isola vivo (Jack, Kate, Sayid, Sun, Hurley, Locke, Michael e Walt) è 324 - 8 = 316.
    • Il titolo di riferisce anche al verso del Vangelo "Giovanni (John), 3:16", dove scritto "Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna” - Questo è in correlazione con la lettera di John a Jack che recita "Vorrei che mi avessi creduto" e la storia della Bibbia di Ben a Jack a proposito di Tommaso, l'Apostolo. Jack Shephard è "il dubbioso Tommaso".
    • Inoltre, potremmo vedere i Numeri in stretta relazione coi voli 815 e 316. Se l'andata era: 4 8 15 16 23 42, il ritorno sarà l'inverso, 42 23 16 15 8 4.
  • Quando il volo Ajira attera, è visibile un volo Oceanic Airlines sullo sfondo.
  • Dietro i passeggeri alla partenza è visibile un grande poster della Oceanic Airlines.
  • Il logo DHARMA sulla tuta di Jin è oscurato dal suo collare, ma sembra un nuovo logo Dharma.
  • C'è foto dell'Isola presa dall'U.S. Army attaccata alla lavagna della stazione Il Lampione. E' stata scattata il "23/09/54" (2+3+9+5+4=23).
    • Casualmente è stata scattata un giorno e 50 anni prima dello schianto del Volo 815.
  • Hurley viene visto leggere una traduzione in spagnolo del trade paperback Y: The Last Man Vol. 3: One Small Step. E' scritto da Brian K. Vaughan che è anche autore e produttore di Lost.
  • Nella sala da pranzo di Jack, il dipinto sulle pareti raffigura lo Stato americano del New Mexico.
  • Le coordinate stampate da Ms. Hawking (34°3' N, 118°14' W) sono di Los Angeles, California, proprio del gate del Volo 316.

Note di ProduzioneModifica

ErroriModifica

  • Il ticchettio delle coordinate della stazione Il Lampione cambia di frequenza.
  • La lettera suicidio di Locke a Jack è scritta in modo leggermente differente tra la versione che legge in aereo e la versione strappata che si ritrova sull'Isola.
  • Ben dice a Jack sull'aereo che è stata su madre a insegnarli a leggere! Ma sua madre è morta durante la nascita di Ben!
  • L'appartamento di Jack appare completamente diverso da quello visto nell'episodio Attraverso Lo Specchio, i cui eventi narrati nel Flash Forward sono precedenti di pochi giorni.

Tematiche ricorrentiModifica


Tematiche ricorrenti in Lost
AnimaliBianco e neroIncidenti stradaliConnessioni tra i personaggiBambiniOcchiFato contro libero arbitrioBuoni e cattiviPrigioniaIsolamentoVita e morteParti del corpo mancantiSoprannomiI NumeriProblemi familiariGravidanzeGiustapposizioniPioggiaRinascitaRedenzioneRelazioniSacrificioSegretiSogniTempoTruffe e inganni


  • Granddad Ray calls Jack, "Kiddo," a nickname Jack's Dad called him. (Nicknames)

Analisi della Storia Modifica


Riferimenti culturali Modifica

  • Y - l'ultimo uomo sulla terra: Hurley legge un fumetto tradotto in spagnolo intitolato Y - l'ultimo uomo sulla terra Vol. 3: Un piccolo passo. Questa serie di fumetti racconta a proposito di un solo sopravvissuto a una piaga mondiale. E' stato scritto da Brian K. Vaughan che è anche uno sceneggiatore di Lost. (Libri)
  • Le cronache di Narnia: La stazione della DHARMA Initiative, Il Lampione si riferisce a Il leone, la strega e l'armadio e Il nipote del mago, il primo e sesto libro della serie di Narnia (primo e Sesto, per data di pubblicazione, ma secondo e primo in ordine di lettura). Nei libri, un lampione segna il passaggio tra Narnia e il mondo reale. Nell'episodio, Il Lampione compie la stessa funzione con il collegamento all'Isola. In oltre, l'inizio dell'episodio è collegato al primo capitolo de Il principe Caspian, il secondo libro della serie di Narnia (secondo per data di pubblicazione, ma quarto in ordine di lettura). Nel capitolo, intitolato L'isola, i ragazzi del libro ritornano a Narnia da un'isola con antichi simboli. La prima cosa che fanno è mettere i piedi nell'acqua. (Libri)
  • Ulisse: Ben legge Ulisse di James Joyce sul Volo 316 prima che lasci il suo posto. Il romanzo racconta la giornata di un uomo,il protagonista Leopold Bloom, a spasso Dublino (16 giugno 1904). La storia è considerata come l'Odissea di Omero come una miscela della realtà con simbolismo in una parabola dell'esperienza della vita. Damon Lindelof e Carlton Cuse avevano detto agli spettatori di leggere questo libro in uno dei video Dharma Special Access. Una citazione dalla pagina 316 del romanzo è nascosta nel codice url del sito internet dell' Ajira Airways. Il capitolo finale si intitola "Penelope". Fionnula Flanagan, la quale interpreta Mrs. Hawking è famosa per il ruolo di Molly Bloom, (uno dei personaggi principali del romanzo) a teatro e nei film, tra i quali "James Joyce's Women" e "Joyce to the World." (Libri)
  • Il Vangelo: Giovanni 3:16 -- "Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna". La lettera di John (Giovanni) Locke dice che Jack avrebbe dovuto credergli. Eloise dice a Jack di iniziare a credere. Ben dice a Jack che ognuno crede prima o poi. Ognuno degli Oceanic 6 che si imbarcano sull'aereo sono convinti che il volo li riporterà sull'Isola e che nessuno di loro morirà durante lo schianto. Questo versetto è nascosto anche nel codice url del sito internet dell'Ajira Airways. (Religione)
  • La Bibbia: Salmo 119:105 "La tua parola è una lampada al mio piede e una luce sul mio sentiero." La stazione del Lampione è usata per ricerare l'Isola nello spazio e nel tempo, per far tornare gli Oceanic 6. Questo famoso versetto dai Salmi usa metaforicamente la lampada come un mezzo importante per le persone per trovare la loro via. (Religione)
  • Il Vangelo Ben racconta a Jack la storia dal Vangelo di Giovanni sull'apostolo San Tommaso, il quale non è ricordato per il suo incredibile coraggio dimostrato quando ha spinto i discepoli a seguire Gesù in Giudea, anche se questo significava morire, ma piuttosto è ricordato per i suoi dubbi sulla resurrezione fisica di Cristo, un dubbio mitigato solo dopo aver messo le mani nelle ferite di Gesù. (Religione)
  • Incredulità di San Tommaso: Ben guarda questo dipinto di Michelangelo Merisi, detto Caravaggio (29 Settembre 1571 – 18 Luglio 1610). Questo dipinto illustra la storia biblica dei dubbi di Tommaso sulla resurrezione di Gesù. "Essere come San Tommaso" è una frase utilizzata per descrivere qualcuno che è molto scettico su qualcosa. (Arte)
  • Il piccolo principe: The Little Prince visits an asteroid that rotates every minute. Its inhabitant, the Lamplighter, must constantly light, extinguish, and relight the Lamp Post on the asteroid. (Libri)
  • I langolieri: In the Stephen King novel, an airplane takes off from Los Angeles and while in midair in travels through a time warp, leaving only a handful of survivors while the rest of the people on board disappear. For the survivors to travel back through the warp (or window) to their own time, they must recreate several key conditions of their original pass through said window.
  • Il pendolo di Foucault: Oltre al pendolo nella stazioneIl Lampione essendo un esempio del Pendolo di Foucault, la scena possiede alcuni richiami al romanzo oltre il titolo; quando Eloise Hawking descrive che la stazione si trova sopra un pacchetto di energia collegato ad altri fonti energetiche, tra cui l'Isola. This same idea is often discussed in the novel and these connections are referred to as "telluric currents." Foucault's Pendulum was written by Umberto Eco, whose name is a homonym of Eko. (Libri)


Tecniche di narrazioneModifica

  • Jack si tuffa e riemerge dal lago. Gli scrittori hanno spesso utilizzato questo antico mezzo letterario (cioè, il battesimo) per simboleggiare che qualcuno ha accettato la richiesta di perdono di un'altra persona per i suoi peccati passati e ha concesso un'opportunità per rifarsi una vita nuova e migliore.(Symbolism)
  • Sayid è probabilmente sotto sorveglianza durante il volo, scortato da un'agente, situazione simile a quella di Kate e Edward Mars. (Juxtaposition)
  • Hugo sta portando con sè una custodia di una chitarra, probabilmente al posto di Charlie Pace. (Symbolism) (Juxtaposition)
  • Ben arriva appena in tempo e ringrazia lo staff per non essere partiti senza di lui, prendendo il posto di Hurley nel volo Oceanic 815. (Justaposition)
  • Al bar il volto di Jack è diviso a metà da una luce gialla e una blu per rappresentare la lotta interiore che sta avvenendo in lui per cercare di credere a ciò che gli ha detto Eloise. In seguito riceve una chiamata da un infermiere della casa di riposo di suo nonno, segnale che lo convince a fare ciò che Eloise gli ha indicato.(Symbolism)
  • Jack è ancora tentato dall'alcool, similmente a Christian; comunque, non beve mai, mostrando di stare facendo dei progressi nella sua ripresa, e di star facendo delle scelte diverse rispetto a suo padre. (Symbolism) (Juxtaposition)
  • All'aeroporto Hurley dice a Jack "Facciamolo". (Regularly spoken phrases)
  • Il membro del progetto DHARMA a bordo di un nuovo furgoncino VW che punta una pistola verso Jack, Kate e Hurley si rivela essere Jin.(Plot twist)


Riferimenti ad altri episodiModifica


Domande senza rispostaModifica

Domande senza risposta
  1. Non rispondere alla domande in questa pagina.
  2. Mantieni le domande aperte e neutrali: non suggerire già nelle tue parole la risposta.
Per le teorie su queste domande, vedi: 316/Theories
  • Come la foto dell'Esercito Americano dell'Isola finì nel Lampione?
  • Chi fu l'uomo che predisse i movimenti dell'Isola?

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale