FANDOM


Benjamin Linus, meglio conosciuto come Ben, da lungo tempo sull' Isola, è l'ex leader degli Altri. La madre, Emily, muore poco dopo il parto, e all'età di otto anni Ben arriva sull' Isola con il padre, Roger, a cui viene assegnato il lavoro di "workman", o inserviente, per la DHARMA Initiative. Riceve la sua educazione sull'Isola, e dopo un incontro casuale nella giungla con Richard si sente molto affascinato dagli Ostili. A dodici anni, Ben cerca di unirsi a loro, ma viene colpito da un proiettile sparato da un Sayid in viaggio nel tempo, che sperava di ucciderlo per cambiare il futuro. Dopo questo episodio Ben viene curato nel Tempio, dove lo porta Richard Alpert, e perde la sua "innocenza". In quest'occasione Richard dice che Ben non avrebbe ricordato nulla, per cui non è chiaro se si ricordi di Sayid una volta incontrato nel futuro. Anni dopo divene a sua volta inserviente per la Dharma Initiative, ma in realtà è già alleato degli Ostili e del loro leader, Charles Widmore. A un certo punto dopo la fine della Dharma sull'Isola a causa della Purga, Ben organizza l'esilio di Charles e diviene il nuovo leader degli Altri. Anni dopo sviluppa un tumore alla spina dorsale, e si preoccupa del significato dell'accaduto, visto che, di solito, la gente sull'isola non si ammala.

Nel 2004, dopo il crash del volo 815 sull'Isola, i sopravvissuti hanno a che fare con Ben e gli Altri in diverse occasioni. Ben è catturato e tenuto prigioniero per sei giorni con lo pseudonimo Henry Gale. Viene smascherato, ma è liberato da Michael, che ha stretto un accordo con gli Altri. Tiene prigionieri Jack, Kate e Sawyer, e convince Jack a rimuovergli il tumore. Ben ha a che fare anche con John Locke, lo manipola e si sente minacciato da lui quando Locke sostiene di aver sentito Jacob, per cui cerca anche di ucciderlo. In seguito, Ben cerca di impedire ai sopravvissuti di contattare la Kahana per chiedere soccorso, perché sa che l'equipaggio della nave è stato mandato da Charles Widmore per catturare lui e, a sua detta, uccidere tutti gli altri. Ordina agli Altri di dirigersi al Tempio per cercare rifugio, ma fallisce nel tentativo di impedire a Jack di chiamare la nave, per poi finire prigioniero di Locke e del suo gruppo sull'Isola. Dopo che i mercenari uccidono sua figlia, Ben e Locke si recano alla capanna di Jacob, dove Locke riceve istruzioni su come proteggere l'Isola. Ben si dirige con Locke e Hurley alla stazione Orchidea e sposta l'Isola, sacrificando così la sua leadership e lasciando il campo a Locke, suo successore.

Ben viene teletrasportato nel deserto del Sahara, dieci mesi dopo, e presto scopre che alcuni sopravvissuti all'incidente hanno lasciato l'Isola. Ingaggia Sayid nella sua guerra contro Widmore che intende eseguire con l'uccisione della figlia del rivale, Penelope, per vendicarsi della morte della sua. Il piano, tuttavia, fallisce. Alla scoperta che anche Locke è fuori dall'Isola, Ben lo uccide e ne usa il corpo, insieme con gli Oceanic Six per fare ritorno nuovamente sull'Isola grazie al volo Ajira Flight 316 indicato da Eloise Hawking. Ritornato sull'Isola, viene giudicato dal Mostro per la morte di Alex e quindi usato dall'Uomo in Nero, che si rivela come un redivivo Locke, per uccidere Jacob.

Dopo aver pugnalato Jacob, viene toccato proprio da quest'ultimo. Successivamente si unisce al gruppo di Ilana nel loro viaggio verso il Tempio (seppellendo il vero John Locke lungo il percorso). Miles legge le ceneri di Jacob e conferma a Ilana che Ben ne è l'omicida. Ilana costringe Benjamin a scavare la propria tomba, ma Ben si scusa e viene accettato dal gruppo. Dopo la morte di Ilana, Ben va con Richard e Miles alla Barracks per trovare esplosivi con cui far saltare in aria l'aereo dell'Ajira, con lo scopo di impedire all'Uomo in Nero di lasciare l'Isola. Raggiunto il luogo, Ben scopre che Charles Widmore ha fatto ritorno sull'Isola e che finalmente è in grado di ucciderlo (prima dichiara allo stesso Widmore di esserne impossibilitato), basandosi sulla promessa dell'Uomo in Nero di avere l'Isola tutta per sé. Alla fine Ben prenderà il posto di Richard Alpert diventando il secondo di Hurley, proprio come Alpert era il secondo di Jacob.

Prima dell'IsolaModifica

Ben è nato prematuramente il 19 dicembre nei primi anni '60, quando sua madre Emily era nell'ultimo trimestre di gravidanza. Emily e suo marito Roger stavano facendo una gita in un bosco a 32 miglia di distanza da Portland, in Oregon (come confermato dal Podcast ufficiale di Lost del 21 settembre 2007), quando la donna avverte le prime contrazioni e, con l'aiuto del suo consorte, partorisce il loro bambino. Il parto sfinisce Emily, che ha un'emorragia; Roger prova a salvarla e la trasporta fuori dalla selva. Horace ed Olivia, una coppia che stava passando da quelle parti a bordo della loro automobile, li notano sul ciglio della strada e cercano di aiutarli. Purtroppo, Emily muore tra le braccia del marito, ma il bimbo sopravvive. Le ultime parole della donna sono rivolte a Roger: "Chiamalo Benjamin". ("Piovuta dal cielo")

Sull'Isola Modifica

Con il progetto DHARMA Modifica

Ben Bambino

Un giovane Ben arriva sull'isola.

Ben giunge sull'Isola da bambino, nei primi anni Settanta, assieme a suo padre Roger che, grazie all'interessamento di Horace, matematico della Dharma Initiative, ha ottenuto un lavoro all'interno del progetto. Il padre di Ben era un alcolista, non si è mai preso cura di lui durante la sua infanzia e ha puntualmente dimenticato ogni anno il suo compleanno (dato che la data coincideva con la scomparsa della moglie, Emily). ("L'uomo dietro le quinte") Ben è testimone di un attacco contro la Dharma ad opera degli Ostili mentre si trova nella sua classe a seguire una lezione. La notte dopo l'assalto, il piccolo vede sua madre guardarlo dalla finestra della sua camera. ("L'uomo dietro le quinte")

Sull'Isola, Ben incontra e stringe amicizia con una bambina di nome Annie. Per il suo compleanno, la piccola amica gli regala una bambola intagliata con le sue mani, che rappresenta lei stessa; in piu', la bambina ha costruito un altro pupazzo con le fattezze di Ben, che tiene però per sé. In questo modo, dice Annie, loro due non sarebbero mai stati lontani l'uno dall'altro. Linus conserva il suo pupazzo, come si vede durante il giorno del suo compleanno, nel 2004. ("L'uomo dietro le quinte")

Ben

Ben lavora come inserviente alla Dharma Initiative.

Quella notte, Ben torna nell'alloggio di suo padre Roger, il quale si è ubriacato per poter riuscire a dormire. Il bambino gli si avvicina e gli toglie le scarpe, ma lo sveglia. Roger vede il pacco regalo preparato da Annie per Ben e inizia a dire frasi sconnesse circa il fatto che suo figlio abbia ucciso Emily il giorno della sua nascita. Il piccolo Ben lo guarda con gli occhi pieni di lacrime mentre suo padre gli augura ironicamente buon compleanno, dopodiché scappa. Il bambino corre a perdifiato nella giungla, fin quando non si blocca davanti alla barriera sonica che circonda il suo villaggio, dove vede nuovamente sua madre Emily. La donna lo fissa senza proferir parola, fin quando Ben si avvicina ai piloni dello steccato per oltrepassarli. A quel punto la madre lo blocca, dicendogli che non è ancora il momento per lui di raggiungerla, e ritorna nella giungla. ("L'uomo dietro le quinte")

Dopo qualche tempo, Ben prende le sue cose (inclusa la bambola di Annie) e lascia la Base. Il piccolo vorrebbe attraversare la barriera sonica e, per vedere se quest'ultima fosse disabilitata, lascia che un coniglio valichi le colonne del recinto. Nella giungla, il bambino sente i sussurri e poco dopo incontra Richard Alpert, che gli chiede se si fosse perso e lo spinge a tornare dalla sua gente. Ben gli dice che sta cercando sua madre, anche se è morta; dopo aver sentito questa cosa, Richard diventa più interessato a quello che il piccolo sta dicendo. Inoltre, il bambino aggiunge di odiare la sua vita con la Dharma Initiative e che vorrebbe unirsi agli Ostili; Richard gli dice che avrebbe potuto essere possibile congiungersi a loro, ma che avrebbe dovuto avere molta pazienza e saper aspettare. ("L'uomo dietro le quinte")

Anni dopo Ben, ormai adulto, lavora come operaio, proprio come suo padre. Lo sta accompagnando in un giro per i rifornimenti col Furgoncino Dharma quando gli ricorda che è il suo compleanno e che Roger se ne è dimenticato come al solito; però quest'ultimo propone al figlio di bere una birra dopo il lavoro. Alle quattro di pomeriggio, i due si trovano assieme sul furgoncino, lontanti dalla Base. Ben indossa una maschera antigas e apre una bomboletta colma di una miscela gassosa letale, che uccide Roger; dopodiché, ritorna alle Baracche, dove tutte le persone appartenenti alla Dharma sono state uccise nella Purga. ("L'uomo dietro le quinte")

Con gli Altri Modifica

A un certo punto, Ben riesce ad assumere la leadership all'interno degli Altri e istituisce un rapporto con Jacob. La compagine degli Altri è formata da quest'ultimo, dagli Ostili, da chi (come Ben) faceva parte dello staff della Dharma Initiative e da persone reclutate dal mondo esterno. In seguito, anche se non sappiamo esattamente quando, Ben comincia a recarsi fuori dall'Isola. Durante uno di questi viaggi, viene fotografato da una persona sconosciuta e la sua istantanea finisce nelle mani di Miles Straume. ("Morte accertata")

Successivamente, Sayid scopre una stanza segreta all'interno della casa di Ben agli Alloggi, nella quale vi sono numerosi contanti in varie valute e passaporti di diversi paesi (tra cui Svizzera e Brasile). Le motivazioni dietro le attività condotte da Linus fuori dall'Isola rimangono tuttora un mistero. ("L'economista")

Ben diventa il padre adottivo di Alexandra Rousseau, a seguito di un ordine di Charles Widmore. Quest'ultimo l'aveva mandato in spedizione contro Danielle, ma Linus, alla vista della neonata si è intenerito, e non l'ha uccisa. Quando Widmore gli ha ordinato di farlo, al suo rifiuto, Alex è stata risparmiata. Da quel momento ha preso la bambina con sé e l'ha trattata proprio come una figlia.

L'uomo la cresce dunque fin da quando era poco più che una neonata, dicendole che sua madre era morta. Linus prova un grande senso di protezione nei confronti di Alex e quando la giovane si innamora di Karl, l'unico degli Altri che sembra avere la sua stessa età, disapprova fortemente la loro relazione. Ben non avrebbe mai permesso che sua figlia rischiasse di rimanere incinta e quindi fa imprigionare Karl nella Stanza 23, sottoponendolo a un vero e proprio lavaggio del cervello pur di metter fine alla loro storia.
Juliet tumore Ben

Juliet dà a Ben la sua lastra.

Non sappiamo se Ben sia stato sposato o legato a qualcuna. Harper Stanhope, la psicologa degli Altri, durante una seduta con Juliet, fa riferimento a una "lei", che potrebbe aver avuto in passato una relazione o comunque è stata una donna importante nella vita di Linus. ("L'altra donna")

Esattamente tre anni prima che il volo Oceanic 815 precipiti, Ben fa condurre sull'Isola Juliet Burke, per poter risolvere il problema delle gravidanze delle donne degli Altri, che non riescono a essere portate a termine. Quando la dottoressa non riesce a venirne a capo e gli chiede di essere rimandata a casa, l'uomo la convince a rimanere, dicendole che il cancro di sua sorella Rachel (sorella di Juliet)|Rachel era ricomparso e che Jacob avrebbe potuto guarirla solo se lei fosse rimasta sull'Isola. Successivamente, diventa palese che Linus è più interessato a Juliet che alla sua ricerca medica, tant'è che la stessa dottoressa comincia a sospettare che l'uomo si sia invaghito di lei. Infatti, Ben è innamorato di Juliet e la sua attrazione nei riguardi della Burke è uno dei motivi per cui la trattiene sull'Isola. Quando realizza che la dottoressa ha una relazione con Goodwin, diventa estremamente geloso e tormentato, così tanto che Harper, la moglie di Goodwin, comincia a temere per l'incolumità del suo consorte. ("L'altra donna")

Poco tempo prima dello schianto del volo 815, Ben accusa forti dolori alla schiena. Juliet gli fa fare delle radiografie, scoprendo una massa tumorale sulla sua colonna vertebrale. Linus è esterrefatto da questa rivelazione, dato che chi vive sull'Isola non soffre di alcun tipo di malattia, mentre Juliet gli rinfaccia, sconvolta, di aver mentito sul fatto che Jacob avrebbe potuto curare il cancro di sua sorella. ("Una di noi")

Dopo l’incidente aereo Modifica

Incontro - scontro coi sopravvissuti del volo Oceanic 815 Modifica

Ben 815

Ben guarda l'aereo spezzarsi in cielo.

Quando l'aereo con a bordo i Losties precipita sull'Isola, Ben chiama a sé all'istante Goodwin e Ethan, ordinando loro di recarsi dove la coda e la sezione centrale del volo 815 sono atterrate e di infiltrarsi tra gli eventuali superstiti come spie. "Ascoltate, assimilate, non fatevi coinvolgere", dice ai due, aggiungendo di volere delle liste di nomi entro tre giorni. ("Storia di due città")

Sceglie Goodwin come talpa perché, in parte, Ben spera che la missione pericolosa possa portare alla morte il suo rivale in amore. ("L'altra donna")

Subito dopo lo schianto, Ben si reca alla stazione Fiamma assieme a Juliet per sapere ciò che Mikhail ha scoperto riguardo l'aereo e i suoi passeggeri. Dopo aver dato istruzioni a Bakunin riguardo fascicoli dettagliati su ogni singolo occupante del volo 815, Linus dimostra a Juliet di non averle mentito riguardo lo stato di salute di sua sorella, facendole guardare un video dal vivo in cui si vedono Rachel e suo figlio Julian. ("Una di noi")

Qualche tempo dopo, il 18 ottobre 2004 (ventisettesimo giorno di permanenza dei nostri sull’Isola), Ben porta Juliet a vedere il cadavere di Goodwin. La dottoressa si scaglia contro Linus, accusandolo di esser stato consapevole di aver mandato Goodwin verso la morte e di essere responsabile della sua scomparsa. L’uomo le risponde dicendole che lui ha fatto di tutto per trattenerla sull’Isola perché: “Tu sei mia”. "L'altra donna"

Un mese e mezzo dopo che il volo Oceanic 815 è precipitato sull’Isola, Walt viene tenuto prigioniero nella Stanza 23 all’interno della stazione Idra, dopo esser stato sottratto a suo padre dalla zattera con la quale alcuni sopravvissuti cercavano soccorsi. Il bimbo ha fatto qualcosa che ha messo in allarme tutti gli Altri e Juliet si reca da Ben per spingerlo a intervenire. La dottoressa gli dice che Walt è pericoloso e che avrebbero dovuto ridarlo a suo padre Michael, ma l’uomo non è assolutamente d’accordo, sostenendo che il piccolo Lloyd è semplicemente un bambino e che non avrebbe mai potuto fare qualcosa di terribile. A quel punto Juliet gli mostra ciò che Walt ha fatto: un gruppo di uccelli morti giace su dei gradini, sotto una finestra con le sbarre. "Room 23"

Successivamente, il 9 novembre 2004, Ben e Juliet si dirigono alla stazione Perla, dove è presente un monitor di sorveglianza che tiene sotto controllo i nostri all’interno del Cigno. I due discutono su come sfruttare i legami affettivi di Jack per convincerlo ad operare il tumore di Ben, usando Michael per condurre da loro lo stesso Shephard, Kate e Sawyer. Paulo, di nascosto,a ssiste a tutta la loro conversazione dal bagno e porta via con sé il walkie talkie che Ben e Juliet hanno lasciato lì.

Il piano di Ben comincia a essere messo in atto quello stesso giorno. Sul computer della stazione Cigno, Michael riceve un messaggio da Walt; a quel punto l’uomo decide di partire e andare alla ricerca di suo figlio. Michael viene catturato nella giungla il 12 novembre.

Seconda Stagione (Giorni 58-67) Modifica

Fingendo di essere Henry Gale Modifica

HenryGaleFromMinnesota

Ben mente a Sayid, raccontandogli la falsa storia di Henry Gale.

Ben viene intrappolato da Danielle Rousseau in una rete e la ricercatrice francese lo consegna a Sayid il 18 novembre 2004. Danielle colpisce Linus con una freccia scagliata da una balestra durante un suo tentativo di fuga, dopo il quale l’uomo viene condotto nell’armeria del Cigno e lì imprigionato. Quando la Rousseau dà in custodia Ben a Sayid, lo mette in guardia dicendogli che l’uomo avrebbe mentito per molto tempo prima di raccontare la verità. (“Uno degli Altri”)

Mentre è prigioniero, Ben dichiara di essere Henry Gale, un ricco minatore del Minnesota, giunto sull’Isola con sua moglie Jennifer a bordo di una mongolfiera. Sayid e Locke non credono alla sua storia, mentre Jack ritiene vero il suo resoconto. “Henry” afferma che sua moglie è morta a causa di una misteriosa malattia e continua a mantenere questa versione, anche durante un brutale interrogatorio condotto da Sayid. I tre uomini decidono di serbare il segreto più assoluto dell’esistenza del prigioniero, anche se l’iracheno rivela a Charlie della presenza di Ben e Ana-Lucia e Eko, successivamente, scoprono tutto. Il nigeriano, che sembra credere al fatto che l’uomo catturato sia uno degli Altri, gli confessa che ha ucciso due dei suoi la prima notte sull’Isola e che era pentito di ciò che aveva fatto. Infatti, accenna a quelle due persone assassinate tagliandosi col coltello due trecce fatte crescere sul suo mento.
Ben Armeria

Ben si rifiuta di dare informazioni riguardanti gli Altri.

Ben può seguire tutti gli eventi all’interno del Cigno, pur rimanendo all’interno dell’armeria dove è imprigionato, ed è consapevole della tensione crescente tra Locke e Jack. Infatti, usa le sue informazioni nel tentativo di manipolare Locke per farlo scontrare con Jack; tant’è vero che dice a John che vive all’ombra di Shephard. Locke si infuria, tanto da scagliare vari oggetti giù da un tavolo per la rabbia, ma a quel punto si rende conto di esser stato giocato da Ben, lo afferra rabbiosamente per la maglia e lo spinge all’interno della stanza in cui è rinchiuso. Per rendere ancora più convincente la sua storia, Ben disegna una mappa, sulla quale è segnato il luogo in cui si trovano la mongolfiera e la tomba di Jennifer. Sayid,Ana-Lucia e Charlie, seguendo la cartina, trovano il punto descritto dal prigioniero, ma l’iracheno è scettico; infatti, esuma il cadavere e vede che non si tratta di una donna, ma di un uomo di colore che, grazie alla sua patente di guida, viene identificato come Henry Gale. Nel frattempo, avviene all’interno del Cigno un incidente di chiusura; Locke,con le gambe bloccate sotto la blast door, è costretto a chiedere al falso Henry di premere il bottone. John non può vedere ciò che succede, ma poco dopo la procedura di chiusura termina. Quando tornano Sayid, Ana-Lucia e Charlie, rivelano che l’uomo catturato da Danielle è un impostore ed è uno degli Altri; il vero Henry Gale è morto e la sua salma sepolta. (“Chiusura”)

Sayid pone delle domande a Ben sugli Altri, ma l’uomo gli risponde che se avesse parlato, colui da cui lui prende ordini lo avrebbe ucciso. L’iracheno sta quasi per ammazzarlo, ma viene fermato da Ana-Lucia; Ben rimane scioccato quando la Cortez ipotizza che possa essere Tom il suo superiore e le risponde: “Lui? Lui non è nessuno. E’ niente!”; aggiunge che il suo vero leader è “Lui”,dicendo che è un grande uomo. Per protestare contro la sua prigionia, Ben si rifiuta di mangiare, bere e parlare per due giorni. Dopodiché, dichiara ai superstiti che gli Altri non avrebbero mai accettato uno scambio tra lui e Walt e mette in crisi Locke quando gli confessa di non aver premuto il bottone.
BenMichael

Ben e Michael al Pala Ferry.

Successivamente, Ben prova a strangolare Ana-Lucia, accusandola di aver ucciso due brave persone e informandola che Goodwin aveva quasi persuaso gli Altri che lei fosse una donna meritevole di figurare sulla lista. Inoltre, l’uomo sottintende che Goodwin non avrebbe mai tentato di ucciderla. Il suo tentativo di strangolamento viene interrotto da Locke che,dopo, trascura di dire a Jack dell’episodio. Alla fine John confessa al dottore ciò che era successo, riuscendo ad impedire ad Ana-Lucia di eliminare il prigioniero.

Poco dopo, Michael uccide Ana-Lucia e Libby e libera Ben, il quale si premura di non lasciare tracce durante la sua fuga. (“Due per la strada”)

Ben organizza il rilascio di Walt al pontile Pala Ferry; è palese che sia lui il vero leader degli Altri. L’uomo rimprovera gentilmente Tom per non aver indossato la barba finta e dice a Michael di aver a malincuore acconsentito all’accordo fatto dalla sua gente con lui, ma ha qualcosa di molto importante da guadagnare dalla liberazione di suo figlio. Quando Michael gli chiede:“ Chi siete?”, Ben ribatte: “Noi siamo i buoni”, dicendogli che non avrebbe mai più trovato l’Isola, neanche se ci avesse provato (riferimento alle parole pronunciate da Ben prigioniero nel Cigno, quando disse che nemmeno Dio avrebbe potuto vedere l’Isola). (“Si vive insieme, si muore soli")

Terza Stagione (Giorni 68-93) Modifica

Ritorno alla leadership Modifica

Ben Breakfast

Ben fa colazione con Kate.

Gli Altri scortano Jack, Kate e Sawyer alla stazione Idra. Lì, Tom dice a Kate di farsi una doccia e le dà un vestito da indossare, dopodiché la conduce sulla spiaggia per una cortese e civile colazione con Ben, ammanettata. Ben le dice che il motivo di tutto ciò era farla “sentire come una signora” e darle qualcosa di bello a cui pensare per le due settimane successive, dato che sarebbero state “estremamente sgradevoli”. (“Storia di due città”) Ben sorveglia ciò che Jack, Kate e Sawyer fanno grazie ad alcuni monitor di sorveglianza posti in vari punti della stazione Idra. Mentre sta osservando le loro azioni, entra nella stanza Juliet, che sta per portare una zuppa a Jack e, ironicamente,l e dice:“ Non mi hai mai fatto una zuppa”. A quel punto entra nella sala Colleen, raccontandogli che Sayid aveva trovato il loro villaggio esca e che era a bordo di una barca. Linus le ordina di recuperare il natante e di requisirlo, dato che avrebbe potuto essere loro utile . (“Storia di due città”)

Dopodiché Ben si reca a fare una visita a Jack,r inchiuso in una cella che era adibita ad acquario e si posiziona su una sedia davanti a lui, cominciando a parlare dell’ironia della situazione in cui loro due si trovano: poco più di una settimana prima, era lui il prigioniero e Shephard il carceriere. L’uomo si presenta come Benjamin Linus, aggiungendo di aver vissuto tutta la sua vita sull’Isola e dice a Jack che se avesse collaborato, lo avrebbe lasciato andare a casa. Il dottore appare scettico alle sue parole, ma Ben gli rivela che gli Altri sono in contatto col mondo esterno, snocciolando davanti a lui tutta una serie di notizie realmente accadute durante la loro permanenza sull’Isola, come la morte di Christopher Reeve e la vittoria dei Boston Red Sox nelle World Series. Jack continua a non credergli, così Ben gli mostra un video sul quale è registrata la cronaca televisiva del successo dei Red Sox. Quando la cassetta termina, Linus gli dice: ”Questa è casa, Jack. Proprio qui, dall’altra parte del vetro. E se tu mi ascolterai,s e tu ti fiderai di me, se farai quello che ti chiederò, quando sarà il momento, ti riporterò qui, ti riporterò a casa”. (“La ballerina di vetro”)

Il fatto che Ben occupi una posizione di preminenza all’interno della gerarchia degli Altri diventa ancor più evidente quando interrompe la conversazione di Juliet con Jack, ordinandole di andare da lui e di aiutarlo. A quel punto la Burke puntualizza a Shephard il fatto che lei e Ben prendono le decisioni assieme, ma non sembra così; è la stessa situazione di conflitto latente che c’era tra Jack e Locke quando Linus era tenuto prigioniero nel Cigno.

Quando Sawyer pianifica di scappare nuovamente dalla sua gabbia, conosciamo un nuovo lato del carattere di Ben: quello aggressivo. Sawyer aveva progettato di intontire con una scossa elettrica Linus o qualsiasi altro membro degli Altri che avesse messo piede nella pozzanghera che aveva creato. Mentre Ben si avvicina alla pozza d’acqua, Sawyer tenta di realizzare il suo proposito ma fallisce, poiché Linus aveva fatto staccare l’elettricità. L’uomo chiede a Sawyer la sua età e il suo peso, dopodiché entra nella gabbia e lo colpisce con un bastone, facendolo svenire. Sawyer viene trasportato in una stanza della stazione Idra e Ben osserva da lontano Matthew fare una puntura sul petto di Sawyer stesso, precisando il fatto che odia gli aghi. Quando il prigioniero riprende conoscenza, l’uomo gli mostra un coniglio chiuso in gabbia, sulla cui schiena è impresso il numero otto, e prende a scuotere con forza il contenitore; il povero animale si spaventa e muore in modo celere. Linus dice a Sawyer che al coniglio era stato immesso un peacemaker, proprio come gli è stato fatto poco prima, e gli dà un particolare orologio, che lo avrebbe avvisato quando il suo cuore avesse raggiunto le 125 pulsazioni al minuto. Se Sawyer avesse toccato i 140 battiti, il suo muscolo cardiaco sarebbe esploso. Ben aggiunge che se l’uomo avesse raccontato a Kate ciò che gli avevano fatto, gli Altri le avrebbero fatto seguire lo stesso destino. (“Ognuno pensi per sé”)

Nel frattempo, Jack intravede delle radiografie appartenenti a un uomo di circa quarant’anni, affetto da tumore alla colonna vertebrale. Il mattino dopo, Ben porta Sawyer a fare una passeggiata su un sentiero ripido e, a causa dello sforzo, l’orologio di Sawyer prende a suonare, avvisandolo che le pulsazioni del suo cuore stavano raggiungendo la soglia di pericolo. A quel punto Sawyer gli chiede se l’avesse portato fin là per ucciderlo, ma l’uomo gli rivela che non gli è stato messo alcun peacemaker; al coniglio era stato semplicemente dato un sedativo e non era affatto morto, perché gli Altri “non sono assassini”. Ben spiega che aveva fatto tutto ciò perché l’unico modo per conquistare il rispetto di un truffatore è ingannarlo a sua volta. Alla fine, i due raggiungono la cima della collinetta e dal loro punto di vista vediamo, a due miglia di distanza, l’Isola dove i nostri sono precipitati. Ben gli fa capire che ogni tentativo di fuga sarebbe stato vano, perché non ci sarebbe stato nessun luogo dove poter tornare. (“Ognuno pensi per sé”)

Quella notte, Ben conduce Jack alle esequie di Colleen. L’uomo, come tutti gli Altri,i ndossa un camicione bianco, come è usanza nei tradizionali funerali vichinghi. Jack gli pone delle domande riguardo i sintomi del suo tumore, facendo riferimento alle radiografie viste poco prima. Il dottore lascia cadere la cosa quando Ben asserisce di non sapere di cosa stesse parlando. Poco dopo, quest’ultimo si avvicina a Juliet, disapprovando il fatto che avesse detto a Jack del suo cancro, ma la Burke replica immediatamente dicendo: “Io non gli ho detto che erano tue. Penso che l’abbia fatto tu”, dato che Ben aveva appena confermato al dottore in maniera implicita le sue supposizioni.

Mentre Juliet porta a Jack la colazione, Ben irrompe e chiede di conversare con il dottore. Quando Juliet si impunta, l’uomo le dice che ha bisogno di parlare solo con Jack perché si tratta di “una confidenza tra medico e paziente”. Una volta soli, Ben dice al chirurgo che aveva organizzato un grande piano per costringerlo a fare ciò che avrebbe voluto, ma il suo progetto era fallito quando Jack aveva visto i suoi raggi x e aveva capito che era gravemente malato. Quando il dottore gli chiede se vuole che la sua vita venga salvata, Ben replica: “No, io voglio che tu voglia salvarmi la vita”; inoltre, domanda a Jack se fosse credente ma l’uomo gli rigira la questione. Linus risponde: “Due giorni dopo aver scoperto di avere un tumore, un chirurgo spinale cade dal cielo. E se questa non è una prova che Dio esiste, allora non so cosa sia”. (“Il prezzo della vita”)
BenOperazione

Ben sul tavolo operatorio.

Quando Ben realizza di aver bisogno di essere sottoposto all’intervento di rimozione del suo tumore nel giro di una settimana, chiede a Jack se ci fosse la possibilità che lui potesse operarlo. Dapprima, il dottore sembra disponibile, domandando se gli Altri avessero a disposizione tutta la strumentazione necessaria, ma poi dice che è stata tutta una finta per far pagare a Ben il modo in cui è stato trattato. L’uomo ascolta senza batter ciglio la notizia che il suo tumore sarebbe diventato inoperabile nell’arco di soli sette giorni, ma è chiaro che questo annuncio lo sconvolge intimamente. Quando Jack si rifiuta categoricamente di operarlo, Ben gli dice di essere molto deluso dal suo comportamento ma il dottore ribatte dicendo che sarebbe rimasto scontento ancora per poco tempo. (“Lo voglio”)

Poco dopo, Jack si introduce nella sala di osservazione dell’Idra e vede su un monitor Kate e Sawyer, dopo che hanno fatto l’amore. Ben entra silenziosamente nella stanza e lo provoca dicendogli: “Se fossi uno che scommette, avrei puntato su voi due”. Sa benissimo che la vista di Kate tra le braccia di Sawyer avrebbe fatto nascere in Shephard la voglia di scappar via dall’Isola, tant’è vero che il dottore, furioso, acconsente ad operarlo la mattina dopo. (“Lo voglio”)

Tutto sembra andare liscio per la prima parte dell’intervento ma Jack, intenzionalmente, incide la sacca renale di Ben. Il dottore si rivolge a Juliet e Tom, dicendo loro che l’uomo sarebbe morto dissanguato nel giro di un’ora se il taglio operato non fosse stato ricucito. Ora la vita di Linus è nelle mani di Shephard, che chiede che Kate e Sawyer vengano liberati, altrimenti avrebbe lasciato il proprio paziente morire. (“Lo voglio”)

Poco dopo, Ben riprende conoscenza e capisce che è ostaggio di Jack; inoltre ,viene a conoscenza del fatto che Juliet aveva chiesto al dottore di farlo morire durante l’operazione, facendolo sembrare un tragico errore. A quel punto l’uomo, ancora sdraiato sul tavolo operatorio, chiede a tutti di allontanarsi e di lasciarlo parlare con Juliet. Dopo la conversazione, la Burke lascia la sala operatoria e comunica che avrebbero dovuto lasciar andare via Kate e Sawyer. Dopo essersi sincerato del fatto che i suoi due compagni fossero al sicuro, Jack anestetizza nuovamente Ben e conclude l’intervento. Dopo aver danneggiato un’arteria e aver avuto come assistente Tom al posto di Juliet, il dottore rimuove finalmente il tumore di Ben e, successivamente, consiglia a Juliet stessa di sottoporlo a dei test per chiarire se la massa fosse di origine benigna o maligna. (“Non a Portland”)

Qualche ora dopo l’intervento, i punti di sutura di Ben si infettano. Inizialmente, Jack si rifiuta di aiutare nuovamente l’uomo, ma alla fine acconsentirà a visitarlo, in cambio della commutazione della condanna a morte di Juliet, a causa dell’uccisione di Pickett . Linus accetta e la Burke viene solo marchiata. Assieme a Shephard e a tutti gli Altri, Linus viene condotto a “casa”, ovvero l’Isola principale, dato che la loro ubicazione sull’isoletta della stazione Idra non era più un segreto dopo la fuga di Kate e Sawyer. (“Straniero in terra straniera”)

In questo periodo, Ben scopre che Charles Widmore è riuscito ad individuare l’ubicazione dell’Isola e manda Tom a New York per rintracciare Michael e convincerlo ad imbarcarsi come spia al suo servizio sul Kahana, il cargo del magnate inglese, che sarebbe partito da lì a poco dalle Fiji.

Sull’Isola, Linus è visto giocare a scacchi con Jack e commenta che in quel momento il chirurgo avrebbe voluto lasciare l’Isola, ma sarebbe presto giunto il giorno in cui avrebbe voluto farvi ritorno. Shephard risponde deciso: “Mai”, ma Ben controbatte: “Ho imparato che non bisogna mai dire mai”. Dopo un altro scambio di battute, il leader degli Altri fa una mossa per vincere la partita, guarda il dottore e dice: ”E’ stata un’ottima mossa però”. (“King of the Castle”)

Partenza da Otherville Modifica

Dopo una settimana, Locke affronta Ben alle Baracche; l’uomo è ancora molto debilitato e per muoversi usa una sedia a rotelle. Linus ringrazia John per aver distrutto il sottomarino e avergli impedito di lasciar andare Jack e Juliet e promette di rivelargli i segreti dell’Isola. Infatti, gli mostra suo padre, Anthony Cooper, catturato dagli Altri. (“L’uomo di Tallahassee”)

In seguito, Ben chiama il Kahana per parlare con Michael, fingendo di essere Walt. Quando Dawson gli confessa di aver attivato la bomba precedentemente consegnatagli, Linus sembra scioccato dalla notizia e gli dice che in una guerra è necessario fare tutto il possibile per vincere, senza però uccidere persone innocenti, aggiungendo che gli Altri non gli hanno chiesto di assassinare Ana-Lucia e Libby; il loro omicidio è stata una scelta compiuta esclusivamente da Michael. Dopodiché, il leader degli Altri chiede alla propria spia di compilare una lista dell’equipaggio del mercantile, di distruggere le apparecchiature con cui la nave riesce a comunicare col mondo esterno e mettere fuori uso i motori del cargo. Prima di chiudere la comunicazione, Linus afferma che se Michael riuscirà a compiere tutte queste azioni, potrà considerarsi uno dei buoni. (“Vi presento Kevin Johnson”)

Ben abbandona assieme alla sua gente le Baracche, non senza aver prima istruito Juliet su una missione segreta da compiere una volta infiltratasi tra i nostri. L’uomo dice alla dottoressa che si sarebbero rivisti tra una settimana. (“Una di noi”)

Cooper Ben Locke

Ben incita Locke ad uccidere Anthony Cooper

Quando gli Altri lasciano le Baracche,B en porta con sé Locke. Dopo aver raggiunto le Rovine, mostra a John come la sua mobilità sia migliorata, riuscendo a camminare appoggiato a un bastone, e gli dice che questo progresso è dovuto alla sua presenza. Inoltre, dichiara a Locke che per esprimere compiutamente tutto il suo potenziale, avrebbe dovuto uccidere suo padre. Quella notte, Linus spinge John ad assassinare Cooper, dandogli un coltello e facendogli vedere suo padre, inerme, legato a una rovina, ma Locke non riesce a uccidere il suo genitore. Il mattino dopo Ben gli dice che gli Altri si stavano spostando in un altro luogo, lasciando indietro lui e suo padre; avrebbero lasciato tracce che John avrebbe potuto individuare e seguire, ma l’uomo non avrebbe potuto unirsi a loro fin quando non avesse portato il cadavere di Cooper. (“Il brigantino”)

Quarantotto ore dopo, il giorno del suo compleanno, Ben scopre che il registratore con cui comunica con Juliet è scomparso; non sa che Locke glielo ha sottratto e lo ha consegnato a Sawyer. Prima che possa occuparsi di questo problema, John torna al loro campo, trascinando con sé il corpo di suo padre. Linus gli parla di Jacob e John chiede di esser portato da lui, ma l’uomo rifiuta, sostenendo di essere l’unica persona che può vedere e parlare con Jacob; a quel punto Locke lo accusa di essere un bugiardo e di aver mentito a tutti. La conversazione tra i due viene interrotta dall’arrivo di Mikhail, che comunica loro della comparsa di Naomi. John ribadisce a Ben che avrebbe dovuto condurlo da Jacob, prima di poter fare qualsiasi altra cosa riguardo questa notizia; l’uomo prova a farlo ragionare, dicendogli che avrebbe dovuto rinviare la loro visita da Jacob, ma Locke, per riconquistare la priorità assoluta, colpisce Mikhail, facendolo svenire. Ben non può far altro che acconsentire alla richiesta di Locke; prima della loro partenza, Alex dà a John una pistola, come “regalo di compleanno” per suo padre. (“L’uomo dietro le quinte”)

I due uomini attraversano un cerchio di polvere grigia che circonda la casa di Jacob. Ben mette in guardia Locke dall’usare la sua torcia, perché “Lui non apprezza la tecnologia ”. Bussa alla porta e annuncia la loro presenza a Jacob, dopodiché comincia a parlare a una sedia vuota, sostenendo che Jacob vi fosse seduto. Locke, credendo che Ben sia uno squilibrato, sta per andarsene ma si ferma quando una voce profonda implora: “Aiutami”. John si volta e chiede a Ben di ripetere ciò che gli aveva detto, ma quest’ultimo dice di non aver detto o sentito nulla e capisce che Jacob ha parlato con Locke. Quest’ultimo accende la sua pila elettrica, scatenando una reazione tremenda da parte di Jacob. Ben prova a calmarlo ma viene scagliato via dalla furia di Jacob. John abbandona la cascina, mentre Ben rimane brevemente al suo interno. (“L’uomo dietro le quinte”)

il giorno successivo, Ben conduce Locke a una fossa comune, dove si trovano i resti degli appartenenti alla Dharma Initiative. Ben confessa a John di non esser nato sull’Isola e che quando divenne evidente che la Dharma non avrebbe potuto convivere pacificamente con i Nativi, questi ultimi compirono la Purga con la sua collaborazione; dopodiché spara a Locke, buttandolo dentro il fossato e chiedendogli cosa Jacob gli avesse detto nella cascina. John gli ripete le esatte parole: “Aiutami”. Ben lo abbandona morente, affidandolo al buon cuore di Jacob. (“L’uomo dietro le quinte”)
Ben spara Locke

Ben spara a Locke, che cade nella fossa comune.

Ben ritorna al campo temporaneo degli Altri e ringrazia sarcasticamente Alex per aver dato a Locke la pistola; in più ordina a Richard e a Pryce di condurre il raid al campo dei superstiti sulla spiaggia un giorno prima, dicendo loro di rapire tutte le donne e di uccidere tutti gli uomini che avessero osato intralciarli. Quando Richard gli domanda dettagli sull’operazione, Linus gli risponde che sta eseguendo gli ordini di Jacob. (“Greatest Hits”)

Quel pomeriggio, mentre sta scrivendo sul suo diario, Ben viene informato via radio da Greta e Bonnie che Charlie è riuscito a raggiungere lo Specchio. L’uomo chiede a Mikhail di partire immediatamente per la stazione subacquea e di uccidere Pace; nel frattempo, cerca di contattare i suoi andati in missione sulla spiaggia, ma non riesce a mettersi in contatto con loro, dato che hanno chiuso le radio per prepararsi all’incursione. Dopo, Ben viene contattato da Tom, che gli comunica che il raid è finito tragicamente, dato che sette Altri sono morti ma, in compenso, Sayid, Jin e Bernard sono stati catturati. Linus ordina a Mr. Friendly di far picchiare Jin, in modo tale da far parlare i suoi due compagni. Bernard cede e Ben apprende che Juliet e Karl hanno detto loro del blitz e che i rimanenti superstiti si stanno dirigendo verso la torre radio. (“Attraverso lo specchio”)

Ben prega Richard di portare gli Altri al Tempio, mentre lui si sarebbe recato da solo alla torre radio, nel tentativo di fermare Jack e i suoi compagni. Quando Alex esige di accompagnarlo, lui acconsente senza colpo ferire. Durante una sosta, la ragazza affronta il suo padre adottivo circa il trattamento che l’uomo ha riservato a Karl. Ben giustifica l’aver rinchiuso il ragazzo prima in una gabbia e poi nella Stanza 23 a causa della sua paura che Alex potesse rimanere incinta. Quando la figlia gli chiede perche non lascia semplicemente andar via Jack e gli altri sopravvissuti, Linus risponde: ”Perché non posso!”. (“Attraverso lo specchio”)
Bloody Ben

Ben sanguinante dopo esser stato picchiato da Jack

Dopo aver incontrato i superstiti, Ben convince Jack a parlar soli per cinque minuti. Una volta isolati dagli altri, l’uomo fa riferimento al suo passato, a quando ha ucciso quaranta persone il giorno della Purga, e avverte Jack delle gravi conseguenze a cui andrà incontro se contatterà i compagni di Naomi sulla nave; se farà quella chiamata, tutti coloro che si trovano sull’Isola moriranno. Dopo aver capito di non aver minimamente smosso il dottore, Linus si mette in contatto con Tom tramite la sua radio e gli ordina di uccidere Sayid, Jin e Bernard se non dovesse sentire la sua voce tra un minuto. Dopodiché, chiede a Jack di dargli il telefono satellitare di Naomi entro sessanta secondi, ma il dottore rifiuta e si odono dal walkie talkie tre colpi di pistola. Distrutto, Shephard picchia violentemente Ben sul volto varie volte, conducendolo successivamente dagli altri sopravvissuti. L’uomo, sanguinante, viene sbattuto per terra e Alex, impietosita e preoccupata, gli si avvicina; Linus nota che la Rousseau sta fissando la giovane e presenta le due come madre e figlia. (“Attraverso lo specchio”)


Legato ai polsi dalla Rousseau, Ben viene costretto ad accompagnare il gruppo di Jack alla torre radio. Una volta che la trasmissione del messaggio della ricercatrice francese viene bloccata, Naomi tenta di ricalibrare il telefono satellitare e Linus prega Shephard di non contattare i suoi compagni sulla nave, ma il dottore non gli presta ascolto. Ben è sollevato quando Locke colpisce a morte Naomi con un coltello, nel tentativo di non farla mettere in contatto col mercantile, e cerca di convincere John a uccidere Jack per impedirgli di usare il telefono, ma la Rousseau lo zittisce con una micidiale gomitata al volto. Shephard chiama i soccorsi sul cargo. (“Attraverso lo specchio”)

Quarta Stagione (Giorni 91-100) Modifica

Di nuovo prigioniero Modifica

Incatenato ad un albero, Ben osserva Alex e Karl fare un picnic e cerca di convincere la Rousseau a portar via la ragazza, il più lontano possibile. Quando si riferisce ad Alex come sua figlia, la ricercatrice francese lo colpisce nuovamente, ricordandogli che la giovane non è sangue del suo sangue. L’uomo,da quella posizione, vede Naomi, creduta morta ,trascinarsi via agonizzante nella foresta e Kate sottrarre a Jack il telefono satellitare. Il dottore e la Rousseau conducono con loro Ben durante le ricerche per Naomi e, quando Shephard si rende conto di aver seguito una falsa traccia e di non aver più con sé l’apparecchio telefonico, l’uomo sottolinea con ironia a Jack gli errori commessi. Linus dice al dottore di non aver detto nulla della fuga di Naomi e del furto del telefono perché gli doveva far pagare il fatto che lo aveva picchiato a sangue poco prima. Jack e la Rousseau tornano indietro, sempre portando l’uomo con loro, e si incontrano con gli altri superstiti. Una volta davanti alla cabina di pilotaggio del volo 815, esplodono le tensioni tra i nostri, riguardo le intenzioni delle persone provenienti dal cargo, che culminano con la suddivisione dei sopravvissuti in due diverse fazioni. (“L’inizio della fine”)

Ancora tenuto prigioniero dalla Rousseau, Ben chiede, provocatoriamente, il permesso a Jack di unirsi al gruppo di Locke. Il dottore lo lascia andare, dicendo a John: “E’ tutto tuo”. (“L’inizio della fine”)

Locke comunica ai suoi compagni di aver bisogno di fare una piccola deviazione prima di giungere alle Baracche e di recarsi in una capanna. Quando Hurley dice che la cascina si trova in un’altra direzione, sia Ben che John rimangono stupiti, ma Hugo riesce a tirarsi fuori dagli impacci sostenendo di aver capito male, pensando che Locke si stesse riferendo alla cabina dell’aereo (in inglese cabin vuole dire sia casolare che cabina di pilotaggio). Ben prova a parlare con Alex, ma la figlia lo ignora, e cerca di manipolare Sawyer, dicendogli che non avrebbe avuto la minima possibilità con Kate al cospetto di Jack, una volta giunti i soccorsi. Inferocito, Sawyer lo picchia violentemente e vorrebbe ucciderlo, ma viene fermato da Locke. Poco più tardi John cambia idea, dopo che Ben è riuscito a prendere una pistola e a colpire varie volte Charlotte, appena arrivata sull’Isola. Locke sta per sparagli, nonostante le proteste di Alex, quando Linus dichiara di essere in possesso di alcune importanti informazioni. A quel punto John gli chiede cosa sia il Mostro, ma l’uomo dichiara di non saperlo; in compenso, elenca tutta una serie di informazioni intime su Charlotte (il suo nome completo, la composizione della sua famiglia, i suoi studi) e afferma di avere notizie dello stesso tenore su ogni singolo membro della sua squadra. Inoltre, asserisce che lo scopo delle persone del mercantile non è prestar soccorso ai nostri, ma trovare proprio lui. Quando Locke gli chiede come faccia a essere a conoscenza di tutto ciò, Linus dichiara di aver una sua spia sul cargo. (“Morte accertata")

Ben si rifiuta categoricamente di rivelare l’identità del proprio delatore a bordo della nave, dato che è solo questa informazione a tenerlo ancora in vita. Ritornato alle Baracche, Locke lo lascia legato a una sedia all’interno della sala giochi, dove si confronta brevemente con Sayid, temporaneamente tenuto prigioniero. L’iracheno specifica che il giorno in cui comincerà a credere all’ex leader degli Altri sarà il giorno del suo funerale. (“L’economista”)
BenWidmoreTape

Ben mostra il filmato a Locke su Charles Widmore("L'altra donna")

Durante la notte, Ben viene condotto nel seminterrato della sua abitazione dalla Rousseau. Il giorno successivo, Locke gli prepara la colazione e gli chiede di raccontargli tutto a proposito del cargo e delle persone a bordo. Ben sottolinea come John sia disperato e non sappia cosa fare: è venuto a chiedere aiuto a lui, dopo che è rimasto sconvolto dal fatto che Jacob non gli si sia mostrato. Successivamente, Kate conduce Miles nello scantinato, dove quest’ultimo propone al prigioniero un accordo: in cambio di 3.2 milioni di dollari, avrebbe detto ai suoi compagni sulla nave che era morto. Straume gli dà una settimana di tempo per recuperare la somma. (“Pessimi affari”)

In seguito, Harper appare a Juliet nella giungla e dichiara che Ben ha bisogno che lei si rechi alla Tempesta e impedisca a Daniel e Charlotte di rilasciare il gas letale ivi contenuto. La Stanhope aggiunge che Linus si trova esattamente dove vuole essere e si rifiuta di spiegare come riesca il leader degli Altri a conoscere gli avvenimenti accaduti in altre parti dell’Isola o come possa dar ordini pur essendo prigioniero di Locke. La Burke accetta riluttante il compito assegnatogli e si dirige verso la stazione Dharma e, quando arriva, vede che la Lewis e Faraday stanno impedendo ad ogni costo l’emissione del gas, in modo tale che non possa più essere utilizzato da Ben per uccidere tutti coloro che si trovano sull’Isola. La miscela gassosa viene resa inerte da Dan, dopo molti sforzi. (“L’altra donna”)

Nello stesso lasso di tempo, Locke porta al leader degli Altri un coniglio per cena. Ben gli chiede se l’animale fosse numerato, ma John è confuso al riguardo; inoltre, aggiunge che John era di fatto un leader e che la sua gente sarebbe diventata irrequieta nei suoi confronti se avessero scoperto che non aveva un piano in mente, mentre lui l’aveva sempre avuto. A quel punto l’ex paralitico, con grande sorpresa di Linus, gli chiede se il suo schema riguardasse anche i 3.2 milioni di dollari richiesti da Miles e, schernendolo, gli dà una banconota da un dollaro, per aiutarlo a rinvenire il danaro. Dopodiché, Ben stringe un patto con Locke e gli mostra una registrazione in cui compare Charles Widmore, che picchia senza pietà un Altro sconosciuto. L’uomo rivela che Widmore è il proprietario del cargo ormeggiato al largo dell’Isola e che vorrebbe sfruttare il posto in cui vivono per biechi motivi commerciali; inoltre, aggiunge che, in cambio di una limitata libertà, gli avrebbe rivelato il nome della spia a bordo della nave. John acconsente e, presumibilmente, Linus gli dice che il suo delatore è Michael Dawson. Poco dopo, Sawyer e Hurley lo vedono camminare fuori dalla propria abitazione e quando i due, basiti, gli chiedono cosa stesse facendo, Ben risponde che si sarebbero visti a cena. (“L’altra donna”) Successivamente, Locke organizza un incontro con tutti i componenti della sua fazione e durante la riunione il leader degli Altri chiede loro protezione, poiché le persone provenienti dal mercantile hanno il preciso ordine di uccidere tutti coloro che si trovano sull’Isola, dopo averlo catturato. Inoltre, rivela che la spia è Michael, scioccando tutti quanti. Dopo l’adunanza, Ben chiede ad Alex, Karl e alla Rousseau di allontanarsi e di recarsi al Tempio, grazie a una mappa che l’uomo ha appositamente tracciato per loro. Nonostante i tre siano molto riluttanti, alla fine vengono persuasi da Linus e partono. Una volta nella giungla, Karl e la Rousseau vengono uccisi da alcuni colpi, mentre Alex si salva, urlando ai suoi assalitori sconosciuti: “Sono la figlia di Ben!”. (“Vi presento Kevin Johnson”)

Il dì seguente, Locke e Sawyer parlano con Ben e gli raccontano della strana telefonata ricevuta qualche minuto prima; la comunicazione consisteva in una voce registrata che ripeteva: “Codice 14-J”. Non appena Linus ode il codice, diventa terrorizzato e rivela ai due uomini che la gente assoldata da Widmore ha attraversato la barriera sonica che circonda Otherville e che avrebbero dovuto barricare la sua residenza per tentare di resistere all’assalto dei mercenari del Kahana. All’interno della casa, oltre a Ben e John, si trovano anche Hurley e il piccolo Aaron; Sawyer si reca all’esterno nel disperato tentativo di salvare Claire e gli altri dal finimondo che si sarebbe di lì a poco scatenato e viene coinvolto in una sparatoria con Keamy e i suoi compagni, fortunatamente senza conseguenze; comunque, Ford riesce a condurre Claire al sicuro nell’alloggio fortificato del leader degli Altri.
Ben Cries

Ben piange alla vista del corpo esanime della figlia. ("Cambio delle regole")

Suona il campanello a casa Linus; è Miles, che dà a Ben un walkie con cui comunicare con Keamy, che si trova all’esterno della sua residenza. L’uomo mostra di sapere numerosi dettagli sul passato del mercenario e gli dice di sapere che razza di persona sia; infuriato, Martin fa condurre a sé Alex e comunica a Ben la sua intenzione di ucciderla. Linus tenta disperatamente di far desistere Keamy dal suo proposito di morte facendogli credere di non essere per nulla affezionato alla giovane ma, nonostante le sue parole, l’avventuriero l’ammazza barbaramente sparandole alla testa.

Annientato dalla morte di Alex, Ben riesce solo a mormorare: “Ha cambiato le regole” e si precipita in una stanza segreta della propria casa, chiudendo fuori Sawyer e Locke. All’interno della camera nascosta, vi è un ulteriore vano a cui si può accedere tramite una porta celata. Non è chiaro cosa Linus vi abbia fatto, ma è certo che abbia, in qualche modo, chiamato a sé il Mostro. Quando riemerge dalla stanza segreto, l’uomo ha il viso e i vestiti coperti da una sorta di fuliggine e comunica a tutti i presenti di uscir fuori dall’alloggio quando dirà loro di farlo; dopodiché,guarda fuori dalla finestra e vede Keamy e la sua squadra attaccata dal fumo nero. Dopo aver abbandonato l’abitazione, Ben prega John di concedergli qualche istante per dire addio alla figlia, prima di mettersi in cammino e lasciare Otherville.

Linus si avvicina al cadavere di Alex, l’accarezza teneramente e le dà un bacio in fronte, quindi crolla e scoppia in un pianto dirotto. Poco dopo, ritorna dagli altri e li informa che la meta del loro viaggio sarebbe stata la capanna di Jacob. Sawyer sbotta, dice che ne ha sentite abbastanza sia da lui che da Locke e decide di tornare alla spiaggia assieme a Claire, Aaron, Miles e Hurley. John e Ben protestano, perché hanno bisogno di Hugo (dato che conosce l’ubicazione della cascina e riesce a vederla) e si sfiora lo scontro tra l’ex paralitico e James. Alla fine, Reyes acconsente ad accompagnare i due uomini da Jacob e iniziano il cammino. (“Cambio delle regole”)

La mattina dopo, Locke si risveglia improvvisamente dopo un sogno e vede che Ben lo sta fissando; quest’ultimo dichiara che anche lui aveva spesso delle visioni oniriche. Il terzetto si reca alla fossa comune dei membri della Dharma Initiative e John racconta a Hurley del massacro compiuto da Linus assieme agli Ostili anni prima. Comunque, il diretto interessato specifica che la Purga non è stata una sua decisione.

Nel frattempo, Locke inizia a cercare all’interno della cavità e, con grande impressione di Ben, trova il cadavere di Horace Goodspeed. All’interno della tasca della sua tuta, John rinviene una mappa che conduce alla cascina di Jacob. Una volta raggiunta la casupola,Linus comunica a Locke che vi sarebbe entrato da solo, dato che il suo tempo da leader era ormai concluso. Mentre John si trattiene all’interno del casolare, Hurley e Ben dividono goffamente una barretta Apollo; improvvisamente, fuoriesce l’ex paralitico, che li informa che Christian Shephard gli ha detto di spostare l’Isola. (“Ricerca febbrile”)

Il giorno successivo, Linus, Locke e Hugo arrivano ad una collinetta con delle rocce vicino. Ben dissotterra una scatola e, poco dopo, estrae uno specchio e inizia a comunicare con qualcuno in cima a una grande montagna lì vicino; John nota la cosa e gli domanda con chi stesse parlando, ma il padre di Alex si rifiuta di dirglielo. Più tardi, i tre continuano il cammino verso l’Orchidea. Quando vi giungono, l’ex leader degli Altri vede che i mercenari del Kahana sono già arrivati e dà Locke dettagliate istruzioni su cosa fare una volta dentro la stazione per poter raggiungere il piano inferiore della struttura. L’ex paralitico gli chiede come intenda comportarsi con gli avventurieri e Ben dichiara di avere, come sempre, un piano. Linus entra, circondato dai compagni di Keamy, e dichiara il proprio nome a Martin, che gli punta la pistola alla testa prima di tramortirlo. (“Casa dolce casa,prima parte”)

FDK

Ben muove l'Isola. ("Casa dolce casa, seconda parte")

Ben viene trasportato all’elicottero dagli uomini di Keamy, ma viene poco dopo salvato da Kate, Sayid e Richard. Linus poi ritorna all’Orchidea per aiutare John a trovare l’ascensore nascosto e scendere nella stazione Dharma vera e propria. Prima di recarsi al piano inferiore dell’Orchidea, l’ex leader degli Altri autorizza Jack e i suoi compagni a prendere il velivolo degli avventurieri del Kahana e lasciare l’Isola.

All’interno della Stazione,Ben apre il caveau che la Dharma utilizzava per esperimenti riguardanti la manipolazione spazio-temporale e comincia a porre oggetti metallici all’interno della stanza,in modo tale da farla esplodere e poter accedere a un altro vano. Prima di riuscirvi, giunge inaspettatamente Keamy, sanguinante per le ferite causate dallo scontro con Sayid e Richard. Non vedendo Linus (che si è nascosto in un armadietto), il mercenario inizia a schernirlo riguardo la morte di Alex per farlo uscire fuori; poi, compare Locke, il quale gli dice di non avere alcuna disputa in corso con lui. All’improvviso, Ben, ferito ed offeso, si fa prendere dall’ira per la scomparsa della figlia e, non curandosi del destino di coloro che si trovano a bordo della nave (per via del marchingegno che Martin ha al braccio, direttamente collegato a una bomba sul cargo, dipendente dal suo battito cardiaco), disarma Keamy, afferra il suo stesso coltello e lo colpisce alla gola fino alla morte. Prima di spegnersi, Martin afferma che Charles Widmore non smetterà mai di cercare l’Isola e Linus. La sua scomparsa provoca una violenta esplosione che distrugge il Kahana.

Dopo esser riuscito ad accedere al retro del caveau, Ben indossa un parka della Dharma Initiative e si prepara a viaggiare spazio-temporalmente; prima di andarsene, l’uomo chiede a Locke di lasciare l’Orchidea e di cercare Richard, aggiungendo che chiunque sposti l’Isola non è più in grado di farvi ritorno. Dopodiché, Linus cammina lungo una stretta galleria rocciosa e scende, grazie a una lunga scala, in una caverna completamente ghiacciata, al cui interno si trovano quelle che sembrano antiche sculture intarsiate da strane scritte. Nello scendere dai gradini della scala, l’ex leader degli Altri cade e si ferisce al braccio destro. All’interno della sala congelata vi è una grande ruota che sembra far parte di una sorta di meccanismo al di sotto della grotta; prima di girarla, Ben alza lo sguardo e dice: “Spero che ora tu sia felice,Jacob”. Commosso, l’uomo comincia a roteare la struttura e viene investito da un’esplosione di luce. (“Casa dolce casa,seconda e terza parte")

Dopo lo spostamento dell'IsolaModifica

2005Modifica

BenSahara

Ben si sveglia nel deserto del Sahara. ("Cambio delle regole")

Dopo un viaggio nel tempo e nello spazio, Ben si sveglia scoprendo di trovarsi sdraiato nel deserto del Sahara, indossando il cappotto facente parte della divisa del progetto DHARMA, con il braccio destro sanguinante, i denti che gli tremano e con un vapore freddo che evapora dal suo corpo. Successivamente, viene tenuto sotto tiro da due beduini, ma riesce a liberarsi di loro velocemente. Dopo questo avvenimento, si reca in Tunisia e chiede di alloggiare in una stanza prenotata a nome di Dean Moriarty, chiedendo anche quale fosse la data precisa di quel giorno, e scopre, tramite un servizio televisivo di un telegiornale, che la moglie di Sayid è morta in un omicidio a Los Angeles.

Ben, quindi, viaggia fino a Tikrit, in Iraq, dove assiste al funerale di Nadia (la moglie di Sayid), a cui assiste anche Bakir (un agente di Widmore). Più tardi, Sayid trova Ben e ha una discussione con lui, il quale gli rivela che il vero assassino di Nadia è proprio Bakir. Alla richiesta di Sayid di sapere come Ben ha lasciato l'isola, Ben mente, dicendogli di aver usato la barca a vela di Desmond. Poco dopo, Ben affronta Bakir in un vicolo, in modo tale da portarlo da Sayid, il quale alla prima occasione gli spara mortalmente con una pistola.

Ben, a questo punto, cerca di partire con Sayid (riuscendoci, nonostante la sua iniziale contrarietà) per aiutarlo a vendicarsi di Widmore, e lo assume in veste di serial killer, per uccidere tutti gli uomini che lavorano per lui. ("Cambio delle regole")

Infine, Ben si reca nell'attico di Widmore a Londra per parlare faccia a faccia con lui, trovandolo a letto con in mano una bottiglia di scoth. A questo punto, Widmore gli chiede se è arrivato fino a Londra per ucciderlo, ma Ben risponde che egli non ne è in grado (per ragioni non dette ma evidentemente conosciute da entrambi). Successivamente, Widmore rivendica il possesso dell'isola, e che essa gli è sempre appartenuta, sostenendo, invece, che Ben gliela abbia rubata. Alla fine della discussione, Ben afferma di voler vendicare l'omicidio di Alex uccidendo Penny, ma Widmore sostiene di averla nascosta da qualche parte. ("Cambio delle regole")

4x09 ThreatningCharles

Ben minaccia WIdmore di uccidere Penny. ("Cambio delle regole")

2006–2007Modifica

4x03 Ben helps Sayid

Ben treats Sayid's gunshot wounds. ("L'economista")

From the Tikrit meeting on, Sayid continued to work for Ben as a hitman to eliminate a number of persons from a list, including Mr. Avellino and an "economist". While on assignment for Ben to kill the "economist", Sayid ended up killing Elsa in self-defense. After Sayid showed some remorse for killing Elsa, Ben suggested that the people Sayid was being sent to kill were not good people and that Sayid's "friends" would be in danger if these people were left alive. Ben then told Sayid that he had another name for him. When Sayid responded that "they" now knew he was looking for them, Ben simply responded, "Good." ("L'economista") Several assassinations later, Ben met Sayid in Moscow after the latter had eliminated Ivan, supposedly the last of Widmore's associates that posed a "threat" to the Oceanic Six. Ben congratulated Sayid on his good work and told him to go out and "live his life." ("Lui è il nostro 'te'")

Due to his surveillance on all the members of the Oceanic Six, which he claimed was to keep them safe, Ben became aware that Locke had left the Island. He spotted him with Matthew Abaddon in New York, after Locke had met with Walt at his high school. Some time later, Ben tracked them down at Helen's gravesite in Los Angeles, and shot Abaddon several times, killing him. Locke, however, escaped the scene.

5x07 GoodbyeOldFriend

Ben strangles John Locke to death. ("Vita e morte di Jeremy Bentham")

A short time after this encounter, Ben arrived at Locke's hotel room, walking in on his would-be suicide by hanging. He admitted to killing Abaddon but cited that Abaddon, as Widmore's employee, was extremely dangerous. He tried to persuade Locke that Widmore was using him to return to the Island. Despite Locke's admission that he was a failure, Ben convinced Locke not to go through with it, stating that Locke had no idea how important he was, and that he still had work to do. Ben said Locke had convinced Jack after all, because of a ticket he booked, and that he could convince the others too. Ben consoled a tearful Locke and suggested that there was still hope in getting the others to return. Locke thanked him for the help. Locke then told him that once they had gotten everyone, they should go to see Eloise Hawking. After hearing this name, Ben's demeanor instantly changed to a cold one. He admitted knowing Hawking and suddenly attacked and strangled Locke, killing him. He then set up the scene to look like Locke had actually committed suicide, cleaning the place of evidence and removing his fingerprints from the scene. He took Jin's wedding ring and, upon leaving, said: "I'll miss you, John. I really will." ("Vita e morte di Jeremy Bentham")

4x13 HappyReunion

Ben and Jack look down at the late Jeremy Bentham. ("Casa dolce casa, terza parte")

The next day, Ben visited Sayid in Santo Domingo at a Build Our World relief project and told him about Locke's death, implying he was murdered by Widmore's associates seeking retribution for Sayid's assassinations. Ben urged Sayid to kill the man waiting outside the mental facility housing Hurley, but Sayid refused. ("Lui è il nostro 'te'")

Some time later, when Jack broke into Hoffs/Drawler Funeral Parlor to view the body of Jeremy Bentham (aka John Locke), Ben was there as well. He asked Jack when he had last spoken to Locke and what Locke had said to him. He then told Jack that he could only return to the Island if everyone who had left returned together. He suggested that he could give Jack some "help" in getting Kate to talk to him again and that he had some ideas about how they might find the Island again. When Jack seemed about to leave, Ben told Jack that Locke, too, needed to be returned to the Island. ("Casa dolce casa, terza parte")

501JackBen

Ben and Jack prepare to get Hurley. ("L'assenza e il vuoto")

While moving Locke's body, Jack asked Ben how this all happened, and Ben replied "It happened because you left, Jack." Ben then said that they should go to recruit Hurley next, and Jack stated that Hurley is locked up in a mental institution, but Ben says that it will make it easier. However, when they looked at the news and saw that he had broken out, Ben seemed dismayed. ("L'assenza e il vuoto")

The two of them temporarily moved Locke's body to a motel, where Jack shaved his beard, and Ben flushed away his pills. Ben took a mysterious wrapped package from a hiding place in the air vent and placed it in his bag. Ben arranged to pick up Jack in six hours, and left the motel. He went to a butcher store to meet Jill, who confirmed that Gabriel and Jeffrey had checked in, which pleased Ben. He left Locke's body there under her protection.

5x02 WhatIfIFail

Ben asks Hawking what will happen if he fails. ("La grande menzogna")

Shortly after Jack phoned him to tell him Hurley's father had delivered Sayid to him. Ben easily put two and two together and realized Hurley was staying at his parents' house. He went to visit Hurley at his house and attempted to recruit him to return to the Island, but Hurley was reluctant after what Sayid told him: that whatever Ben tells him to do, do the opposite. Hurley ran outside, away from Ben, and was arrested.

Having failed to recruit Hurley, he went to a church and met Ms. Hawking there. She told him that he only had seventy hours to bring everyone. Despite Ben's panicked protests, she told him if he doesn't, "Then God help us all". ("La grande menzogna")

Ben traveled to St. Sebastian Hospital where he met with Jack and Sayid. As Jack departed he told him, after meeting Kate, to meet up with him at Slip 23 at the Long Beach Marina. Ben ominously told Sayid there was no time for "dirty linen" and the two of them drove to a car park where they met Dan Norton. Norton told Ben that, because of a lack of evidence against him, Hurley would be released from jail the following morning. When Sayid asked about Norton, Ben told him that Dan was his lawyer.

5x05 IDidTakeYourSon

Ben admits he attempted to take Kate's son through Dan Norton. ("Questo posto è la morte")

Ben and Sayid arrived at the dock to meet Kate and Jack. Kate quickly and correctly deduced that it was Ben who was trying to take Aaron away from her; he coldly justified this by telling her that Aaron is not her son. ("Il piccolo principe")

Without warning, Sun, who had been following them carefully, emerged from her car and pointed a gun at Ben, claiming he was responsible for Jin's death. Ben denied this, claiming Jin was not dead and he could prove it if she came with him for a 30 minute drive. She reluctantly agreed; Ben took Jack and Sun to the church. On the way, Sun and Jack discuss their hatred for him and he angrily pulled over. He shouted at them, claiming he had been protecting them, and if they knew the extent of what he had done for them they would not stop thanking him.

5x05 GivingTheRing

Ben gives Sun her husband's wedding ring. ("Questo posto è la morte")

They later arrived at the church, where Ben gave Jin's wedding ring to Sun and apologized he couldn't give it to her until now. Ben said that Locke gave it to him. When Jack pointed out that Ben had previously told him that Locke had not visited Ben, Ben replied that that was correct: He had gone to see Locke. Moving toward the church, the group met Desmond who asked Ben if they were also looking for Faraday's mother. Ben, seeming slightly stunned, silently entered the church along with Sun, Jack and Desmond. Ben saw Eloise Hawking, and told her he could only get 4 of them on short notice, to which Hawking replied "Let's get started". ("Questo posto è la morte")

5x06 StoryFromTheBible

Ben lectures Jack on Thomas the Apostle. ("316")

Hawking lead the group down to the basement of the church and into the DHARMA station called the Lamp Post. Ben claimed to have never heard of it, but Hawking believed he could be lying. While at the Lamp Post Ben and the others learned the exact way to get back to the Island: on Ajira Airways Flight 316.

After Jack had a private talk with Hawking he found Ben sitting in a pew. Ben told Jack that Sun left and he would pick up Locke's body soon. Ben related the story of Thomas the Apostle to Jack, explaining how he could not be convinced of Jesus's resurrection until he had touched his wounds with his own hands. He ended stating, “We’re all convinced sooner or later, Jack.” He then left, telling Jack he had a loose end to tie up. ("316")

5x12 TheFinalShowdown

Ben explains the reason of his visit to Penny. ("Ciò che è morto è morto")

At the marina, Ben phoned Charles Widmore to let him know he was about to kill Widmore's daughter, Penelope. As Ben walked to the boat, he was spotted by Desmond. Ben shot Desmond, though not fatally, and kept walking. He explained to Penny the reason he needed to kill her. When baby Charlie walked out, Penny begged Ben not to hurt her son. Ben lowered his gun and Desmond tackled him from behind, heavily beating him and throwing him into the water. ("Ciò che è morto è morto")

A drenched and bloodied Ben called Jack from a pay phone, asking him to pick up Locke's body at the butcher shop where he left it, because he had been "delayed". He became the last person to arrive on Ajira Flight 316, much to the dismay of Hurley. On the flight, Ben sat next to Jack, reading a copy of Ulysses but gave Jack privacy to read Locke's suicide note, not before promising Jack it wasn't his fault that Locke committed suicide. Not too long after, the plane was filled with bright light taking Jack, Kate, Hurley and Sayid with it, and the plane crashed on the Island. ("316")


Ritorno sull'IsolaModifica

2007 (Quinta stagione)Modifica

Fallen

Ben is knocked unconscious by Sun as they leave for the main Island. ("Namaste")

Immediately after the crash-landing of Flight 316 on Hydra Island, Ben informed Frank and Sun in the fuselage of the plane that the others were "gone." Ben, who had mostly stayed isolated from the other Ajira survivors, snuck off from the group. He quickly realized he was being followed by Sun, and told her that he was off to find an outrigger to get them back to the main Island, and invited Sun along with him. At this point Frank emerged from the jungle and told Sun not to trust Ben. Sun replied that she had to, and the three set off to find the outriggers. Upon arriving at the spot where the canoes were hidden, Sun knocked Ben unconscious with an oar. Frank then asked Sun why she would do that if she trusted him, and Sun replied, "I lied". Frank and Sun left Ben unconscious on the beach and proceeded to use the outrigger canoes to get back to the main Island. ("Namaste")

File:5x12 SurpriseSurprise.jpg

Later, Ben was brought to an infirmary inside the Hydra station. At an unknown time after the crash, one of the passengers of Flight 316, Caesar, brought a resurrected John Locke to see the injured survivors, who recognized Ben as the man who killed him. ("Vita e morte di Jeremy Bentham") Not long after, Ben woke up to see Locke alive and well sitting at his bedside and was welcomed back to "the land of the living." ("Quel che è stato è stato")

Ben told Locke that he had to travel to the Barracks to be "judged". Locke was skeptical, and insisted on accompanying him. Ben then traveled out to the beach, where he spoke to Caesar about Locke, confiding that he did not believe Locke was on the plane, and may be dangerous. Caesar told Ben that he "has his back," and showed him the shotgun he had taken from Ben's office. Later, Caesar confronted Locke, who was preparing the outrigger to set sail. When Caesar reached for the shotgun to stop Locke, Ben produced it from his own pack and shot Caesar in the chest.

File:5x12 CrawlingThroughAMaze.jpg

Soon after, Ben and Locke left for the main Island. When they arrived at the Barracks, Ben saw a shadow in his old house, in what used to be Alex's room. Worried, he ran in to see who or what it was, and encountered Sun and Frank. Sun said that an old man named Christian told them to wait there for John Locke. Sun did not believe this was possible, since she knew him to be dead, but Ben showed her Locke, alive and well, out of the window. Sun presented Ben with the photo of the DHARMA recruits in 1977, and she expressed surprise that Ben did not know that her friends were in the DHARMA Initiative.

After this, Ben went downstairs to summon the Monster in order to be "judged". Locke observed that the Monster had not yet appeared, but said he knew where it was. They trekked through the jungle with Sun to the Temple, where Locke proposed they enter from underneath it. Before they went in, Ben told Sun to apologize to Desmond for him if she ever sees Desmond again.

File:5x12 ThreatFromAGhost.jpg

While inside, Ben admitted to Locke that he was summoning the Monster in order to seek penance for Alex's death. Ben then fell through a weak spot of the floor, where he discovered a room with pillars covered in hieroglyphs and a large engraving in the center. Out of vents at the base of the engraving crept a column of black smoke that encircled him, and his torch was extinguished. Through this, Ben relived the capture and death of Alex, after which the smoke vanished and his torch was re-ignited. Suddenly, a manifestation of Alex appeared behind him, to which Ben apologized to for her death. 'She' initially appeared to accept his apology, but quickly pinned him against a pillar by his throat and told him aggressively to follow and obey Locke, warning him that she will hunt Ben down and kill him should he harm Locke. A frightened Ben agreed, and Alex disappeared. Afterward, he was met by Locke who extended a vine to help pull him out of the hole. Ben told Locke that the Monster let him live. ("Ciò che è morto è morto")

Ben and Sun followed Locke to the Others' camp where they saw Richard. Ben told Sun that Richard was like an "advisor" and has had the job for "a very long time." Locke then asked Ben to join him and Richard on a journey. When Ben wondered if Locke didn't trust him around his former people, Locke informed him that he wasn't afraid of anything he could do anymore. They then went into the jungle. When they arrived at the Beechcraft, Ben witnessed Locke telling Richard that he must tend to the time-traveling Locke, and tell him to bring the others back to the Island. While Richard does this, Ben was astonished how Locke knew when to be here. Locke said that the Island told him and surprised Ben by saying he knew that Ben had never seen Jacob.

5x15 IsHeCrazy

Ben learns that Locke wants to kill Jacob. ("Il nuovo leader")

The three then returned to camp, where Locke made a speech to all the Others present that he was going to see Jacob, and he would like them all to come with him. The Others were excited by this, but Richard admitted his worry to Ben, that Locke would be a problem in the future. Ben responded by telling Richard "Why do you think I tried to kill him?" The next morning, Locke and the Others left to find Jacob. Ben then told Locke of Richard's thoughts, that seeing Jacob made him uncomfortable, but then reaffirmed his allegiance to Locke's quest: to reunite with his friends in 1977. Locke told Ben he's not interested in reuniting with his friends and revealed that his true intentions, much to Ben's shock, were to kill Jacob. ("Il nuovo leader")

File:5x16 LockeBenAtCamp.jpg

During the journey Ben explained to Sun that while John was 'the leader' of the Island, he still answered to Jacob, and that the title of leader is "incredibly temporary". He admitted too that he had never personally met Jacob. He had a conversation with Locke, who was curious why Ben hadn't told Richard about his plans to kill Jacob. Ben recounted to John that his "dead daughter" had told him to follow everything that John said. John seemed pleased at this revelation, that with Ben following his orders he would not have to convince him, and told Ben that it would in fact be him who was to kill Jacob. Ben later sat alone at the beach camp, when Locke approached him to ask him a question. Ben quipped sullenly that he was a Pisces (in fact a lie, he is a Sagittarius) and John asked him what had really occurred on the day when Ben first took Locke to the cabin. Ben solemnly admitted that he had in fact pretended, that he had talked to an empty chair, and was surprised when things started flying around the room. He admitted that he was genuinely embarrassed, that as leader, he had never actually met Jacob. He then ultimately declared to Locke that he was a liar; "That's what I do." Ben then asked Locke why he wanted him specifically to kill Jacob, and John replied that in spite of his loyal service to the Island he was given cancer, his daughter was killed, and eventually banished - and the question really should be, why wouldn't he want to kill Jacob? ("L'incidente, prima parte")

File:5x16 BenExaminesTapestry.jpg

After finally arriving at the remains of the statue of Taweret, Sun asked Ben what had happened to the rest of it, to which he replied it was like that since he arrived on the Island. Locke then told Ben to come with him to see Jacob, something which Richard protested furiously at, stating that only the leader could see Jacob. Locke ignored this and proceeded inside that statue with Ben. Inside the caverns under the statue, Locke asked Ben if he would be able to go through with killing Jacob, promising change once Jacob was gone. He offered Ben a knife, which Ben silently took.

The two of them entered Jacob's room, a fire burning brightly in the center. Ben examined a weaving on the wall, and from the shadows Jacob spoke his first words to Ben, asking if he liked the weavings. Locke ordered Ben to do what he had asked, but Jacob quickly added that regardless of what Locke had told him, he still had a choice as to what he did, offering him the chance to leave. Ben, tearful, mockingly rejoiced that finally Jacob had decided to stop ignoring him.
5x17 DyingInBen'sArms

Jacob falls against Ben after being stabbed and touches Ben's arm. ("L'incidente, seconda parte")

As Jacob listened, Ben recounted that for 35 years he had lived on the Island, during which he had heard Jacob's name repeated over and over, had been brought his instruction, had been given slips of paper and lists, and all throughout he had never questioned any of it, that he "did as [he] was told." When Ben had dared to ask to see Jacob himself, he was always told he had to wait, to be patient, whereas when Locke asked, he was brought directly. Ben, moving in closer, emotionally demanded of Jacob "What was it that was so wrong with me? What about me?". Jacob paused and sardonically asked "What about you?". Ben nodded, as if he finally understood, then lunged at Jacob, stabbing him in the chest repeatedly. At this point, Jacob touched Ben. Jacob fell to the ground as Ben stood in shock, soaked in his blood. Ben watched as Locke pushed Jacob's body into the fire and it caught aflame. ("L'incidente, seconda parte")


2007 (Sesta stagione)Modifica

6x01 IsThatYouJohn

Ben discovers that John had been dead the whole time. ("Los Angeles LA X, prima parte")

After Ben murdered Jacob, he stood motionless as he watched the flames that had burnt Jacob's body. Shocked that Jacob was actually gone, Ben asked the Man in Black why Jacob didn't resist. The Man in Black replied that Jacob must have known he was beaten. The Man in Black told Ben to go outside and tell Richard that he needed to talk to him, refusing to tell Ben the subject of the conversation. When Ben delivered the message, Richard responded by dragging him to the spot where the real John Locke lay dead.

File:6x01 WhatDoYouWant.jpg

Shortly after, Bram grabbed Ben and forced him back into the statue with him and the rest of Ilana's party, minus Ilana, despite Richard's protest. The Man in Black told Bram and his men that they are "free." Upon hearing this, Bram and his men became enraged and fired several shots at The Man in Black. Ben cowered in a corner and watched as "Locke" seemed to disappear to be replaced by the Smoke Monster, which killed Bram and his men. The Smoke Monster disappeared and "Locke" reappeared. He apologized to Ben, saying "sorry you had to see me like that." Ben said that "Locke" was the monster and the Man in Black chided him for resorting to name calling. He told Ben about Locke's last thought as Ben was strangling him, which was "I don't understand." The Man in Black also said Locke was "weak, pathetic, and irreparably broken," but admired Locke's dedication to staying on the Island. Then, he told Ben that he wanted to go "home," but he did not explain where home was. ("Los Angeles LA X, prima parte")  ("Los Angeles LA X, seconda parte")

File:6x04 SmokeyKilledJacob.jpg

After the Man in Black's abduction of Richard Alpert, the Others left Ben, Frank, Sun, Ilana, and Locke's body at the statue and fled to the Temple. Shortly after they left, Ben went back inside the statue and found Ilana sitting on the ground alone, crying for the deaths of Jacob and her team. When Ilana heard someone coming in, she wiped her tears and pulled herself together as she stood up. She asked Ben what happened exactly to which Ben said that he will tell her the truth but there is a fairly reasonable chance that she won't believe him. Ben proceeded to tell her that John Locke turned into a pillar of black smoke and killed all the men, right before his very eyes. When Ben was asked about what happened to Jacob, Ben lied by saying that Locke killed him too.

File:6x04 GoodbyeLocke.jpg

Ilana later suggested that they follow the Others who were heading towards the Temple, stating that the it is the safest place on the Island. Before they took off Sun suggested that they make a quick detour to the graveyard and bury Locke's body. Ben and Ilana carried Locke's corpse while they were on their way to the graveyard of the old beach camp. As soon as they arrived, Frank and Ben started digging a grave while Sun and Ilana prepared Locke's body to be buried. Ilana asked if anyone wanted to say anything before they could bury Locke, and Ben, with some reluctance, stated that he knew Locke. As Ben looked down at John's corpse he fell silent for a bit and then continued saying that Locke was a "believer, a man of faith," and that he was "a much better man than I will ever be." He added that he was "very sorry [he] murdered him," which appeared to take Sun and Ilana by surprise. ("Il sostituto")

File:6x06 SayidAndBen.jpg

During the attack on the Temple by the smoke monster, Ben arrived with Ilana, Frank and Sun. They found a door seemingly barricaded shut until Ilana kicked it open to find Miles protecting himself from the smoke monster. Ilana, who was apparently trying to evacuate the candidates, asked him where Shephard (Jack), Reyes (Hurley), and Ford (Sawyer) were. When Miles told her that they all left she asked him where Jarrah (Sayid) was and he told her that he last saw him heading towards the "pool room". Ben then immediately volunteered to go and get him and left before Ilana could call him back. When he arrived Ben found the corpses of Dogen and Lennon in the spring and Sayid sitting on the stairs with a bloody dagger in his hand, starring at it with an evil smile. Ben approached him and told him that he knew a secret way out and that it wasn't too late to leave. Sayid then turned to him with an evil look on his face and replied "It is for me". Shocked and scared from the sight of Sayid, Ben backed away and left. ("Tramonto")

File:6x07 BenOnTheGround.jpg
Ben left the Temple, ran through the jungle, and caught up with Ilana's group. He told them that Sayid had killed Dogen and Lennon and that the Man in Black had killed everyone else in the Temple, just as he had killed Bram and the rest of Jacob's bodyguards. However, Ben did not mention that the Man in Black killed Jacob, which made Ilana suspicious that Ben might have killed him instead. She told Miles to read Jacob's last thoughts from his ashes. Miles did so and revealed that it was Ben who killed Jacob. When the group got back to the beach, Ilana forced Ben to walk over to the graveyard at gunpoint, then chained him to a tree and forced him to start digging his own grave as retribution for the murder of Jacob. Ilana kept close watch over Ben as he dug the grave, but at one point she walked a short distance away, at which time the Man in Black appeared out of the jungle and invited Ben to join his group.
File:DrBen.png
He also told Ben where he could find a rifle to use to defend himself against Ilana. Ben, not wanting to die, stopped digging and made a break into the jungle; Ilana gave chase. Ben found the rifle the Man in Black told him about and aimed it at Ilana, forcing her to drop her own weapon. Ben then explained to her his reasons for killing Jacob: he had been angry at him, but now he claimed that he deeply regretted his actions. When Ilana asked him why he wanted to join the Man in Black's group, Ben replied that it was because no one else would have him. Ilana said that she would take him, and then she turned and left without another word. Ben followed her back to the beach camp and offered to help Sun rebuild her old tent. When Jack and Hurley arrived on the scene, a happy reunion occurred between them and the rest of the group, but Ben stood slightly off to the side, looking out of place. ("Dottor Linus")
File:6x10 BelieveMe.jpg

At night while they discussed their next move, Richard stormed off saying that it's time to stop listening to Jacob and to start listening to someone else. Sun told Jack that Richard meant Locke and Ben explained that it's not exactly Locke, after Jack pointed out that Locke is dead. Ben agreed with Jack that Richard wasn't going to be of help and explained Richard's agelessness to Frank. ("Ab aeterno")

The next morning, Ben demanded to know what they were waiting for. Ilana replied that they were waiting for Richard to return. Later, Ben finds Sun knocked out in the jungle, unable to communicate in English. She does, however, inform Ben who had done this to her: the Man in Black in the guise of Locke. Ben helped Sun back to the camp where Ilana wouldn't believe him that Sun was already unconscious when he found her. Ben questioned this and Ilana replied that she didn't believe him merely because he was speaking. Upon Richard's return, Ben informed Jack that the Man in Black had camped on the Hydra Island. ("Il pacco")

File:6x12 IslandDoneWithUs.jpg

After Ilana is killed while handling the dynamite she intended to use to destroy the Ajira plane, the group ventured to the Black Rock to get more. On the way, Ben commented on how people can be cruelly killed off once the Island is done with them and wondered what it plans doing when it is done with them. Hurley blew up the ship and its dynamite before the rest of the group got to it. An argument over whether or not to destroy the plane broke out, causing the group to split in two. Ben and Miles chose to side with Richard and go to the Barracks to get explosives to destroy the plane. ("Tutti amano Hugo")

A couple of days later Ben, Richard, and Miles approach the Barracks. Miles walks over a dead body buried underneath the ground and Richard says that it is Alex and that he buried her. Ben thanks him. They walk unside Ben's house and walk in Ben's closet and abstract the C4. They hear sounds coming from the kitchen and discover Zoe and Charles Widmore. Widmore tells Ben to put his gun down. Ben asks how he got back to the Island to which Widmore replies that he was invited by Jacob.
File:Ben-kills-wid.jpg
Ben tells him he is lying and that he's never even seen Jacob. Widomore replies that he most certainly has. Widmore says that Ben's only chance of survival is with him. Zoe then radios that the Man in Black is approaching the shore. She comes back and her and Widmore hide in Ben's secret room. Ben and Richard go out of the house to meet with the Man in Black. After the monster attacks Richard, he approaches Ben on the porch and says he's just the man he was looking for and that he needs Ben to kill some people for him to which Ben replies why would I do that. The Man in Black tells him he can have the island once he's gone. Ben agrees. The Man in Black then asks him who's boat it out at the dock. Ben admits that it is Charles Widmore's and tells him that he and Zoe are in his closet. Ben takes the Man in Black to Charles and Zoe. The Man in Black kills Zoe and threatens to kill Penny if Widmore doesn't give the information he wants. Widmore refuses to tell anything while Ben is in the room. Ben leaves and while Widmore is whispering his information to the Man in Black, Ben shoots Widmore three times and says that he doesn't get to save Penny. The Man in Black says Ben never ceases to amaze him. He then asks the Man in Black if there is anybody else he wants him to kill. Ben and the Man in Black then go to the well to look for Desmond. ("Quello per cui sono morti")

Ben detects Sawyer hiding in the bushes near the well and forces him to come out at gunpoint. However, Sawyer gets the gun away from Ben and escapes. Ben then accompanies the Man in Black to retrieve Desmond, and goes with them to the Heart of the Island. He waits outside at the bamboo forest with Sawyer, Kate, and Hurley while Jack, Desmond, and the Man in Black go into the Source. When seismic activity begins after Desmond has removed the stone that acts as a cork, Ben becomes trapped under a fallen tree. Sawyer, Kate, and Hurley work to free him. When they receive a radio message telling them the plane is preparing to depart and they must come quickly, they are able to free Ben. The group proceeds to the sea cliff where Jack and the Man in Black are fighting. After Kate shoots the Man in Black and Jack pushes him from the cliff, the group splits up. While Sawyer and Kate head for the plane, Ben elects to remain behind with Jack and Hurley, saying that if the Island is going to sink, he will go down with it. Jack, Hurley, and Ben return to the Source, and after Hurley becomes the protector, he and Ben lower Jack into the cave, and lift Desmond out. Once the light is restored and Hurley believes that Jack is dead, Ben comforts him about his new role, telling him he should do what he does best--take care of people--and that he doesn't have to run the Island in the same way Jacob did. Hurley asks Ben to help him, since he has experience, and Ben agrees, becoming Hurley's second-in-command. ("La fine")

Come consigliere di Hurley (2007-?)Modifica

Ben would continue to act as Hurley's adviser for an unspecified period of time until his death. After dying, Ben and Hurley spoke to one another, praising each others roles as protector and adviser. ("La fine")

Varie altre identità Modifica

Benjamin Linus ha assunto diversi nomi per dissimulare le proprie vere generalità.

  • Henry Gale - E' il nome dello zio di Dorothy Gale, protagonista de "Il Mago di Oz" e dell'uomo precipitato sull'Isola con la sua mongolfiera. Ben si è spacciato per lui quando è stato tenuto prigioniero dai Losties nel Cigno.
  • Dean Moriarty - E' il nome del celebre personaggio immortalato nel romanzo "Sulla strada" di Jack Kerouac. ("L'economista").

Dean Moriarty evoca anche il professor Moriarty, la nemesi di Sherlock Holmes, considerato il primo supercattivo della storia della letteratura e archetipo del brillante criminale cervellotico.

  • Come visto in "L'economista", la grande quantità di passaporti contraffatti conservati da Ben nella sua stanza segreta fa presupporre che l'uomo abbia diverse altre false identità.

Origine del nome e riferimenti vari Modifica

  • Nella Bibbia, Benjamin è l'ultimogenito di Giacobbe e Rachele, fratello di Giuseppe e patriarca della omonima tribù d'Israele (della quale fecero parte Saul, Geremia e l'apostolo Paolo). In ebraico, Benyomin significa “Figlio della destra” (opposto alla sinistra), cioè "Prediletto".
  • La madre di Ben è morta dandolo alla luce, proprio come è successo alla genitrice del Benjamin biblico; in entrambi i casi, ai neonati il nome venne imposto dalla madre morente. Rachele, poco prima che esalasse l'ultimo respiro, aveva chiesto che il figlio venisse chiamato Ben-Oni ("Figlio del mio dolore"), ma Giacobbe lo battezzò Beniamino.
  • Lo pseudonimo utilizzato da Ben quando era recluso nel Cigno è un chiaro riferimento al libro di L. Frank Baum "Il Mago di Oz". Nel rifacimento cinematografico dell'opera (1939), lo zio della protagonista Dorothy si chiama Henry Gale (nel libro il cognome non è mai menzionato; la mongolfiera che Ben nomina nella sua falsa versione fornita ai superstiti del volo 815 è un riferimento al Mago di Oz, che atterra (e, in seguito, lascia) Oz grazie a un pallone aerostatico; come il Mago, anche Ben è l'uomo dietro le quinte, dato che manipola sia i suoi compagni (gli Altri) che i sopravvissuti sull'Isola; in "Ozma di Oz", il terzo libro del ciclo letterario di Baum su Oz, viene consigliato allo zio Henry di prendersi una vacanza e di recarsi in Australia e lì si reca assieme alla nipote a bordo di una nave a vapore ma, durante una tempesta, Dorothy viene sbalzata fuori dall'imbarcazione assieme a una gallina del parente e giunge in un posto misterioso incantato.
  • San Lino (Linus in inglese) è vissuto nel I secolo d.C. ed è stato Papa, il primo successore di San Pietro nel 67 d.C. . La sua festa ricorre il 23 settembre.
  • Nella mitologia greca Lino è un cantore greco, figlio di Urania, a cui si attribuisce l'introduzione dell'alfabeto in Grecia; inoltre, ha insegnato a Ercole come suonare la lira.

Curiosità Modifica

  • Ben è stato il ventiquattresimo personaggio ad avere un flashback.
  • Ben è apparso in trentaquattro episodi.
  • Ben è stato il sesto protagonista della serie ad avere un flashforward e l’unico a non appartenere al gruppo degli Oceanic Six ad avere un episodio con tale particolare tecnica narrativa (“Cambio delle regole”).
  • Ben è tecnicamente responsabile della morte di entrambi i suoi genitori. Emily Linus è scomparsa dandolo alla luce, mentre suo padre Roger è perito a causa del gas letale con cui Ben lo ha avvelenato.
  • Sia suo padre che sua madre sono morti il giorno del suo compleanno, il 19 Dicembre.
  • Come John Locke, anche Ben è nato prematuramente e ad entrambi è stato imposto il nome dalla propria madre; le due donne si chiamano Emily.
  • Dopo il viaggio spazio-temporale, Ben si reca in Tunisia, lo stesso paese dove si trova l’orso polare di Charlotte Lewis.
  • Il bastone telescopico che Ben usa abitualmente come arma è lungo sedici pollici.
  • Ben ha dichiarato di odiare gli aghi, come affermato nell’episodio “Ognuno pensi per sé”.
  • Juliet gli comunica del tumore il 21 settembre 2004, il giorno prima dell’incidente aereo. (“Una di noi”) 72 giorni dopo lo schianto, Ben dice a Jack: “Due giorni dopo aver scoperto di avere un tumore, un chirurgo spinale cade dal cielo”. (“Il prezzo della vita”)
  • Il tumore di Ben era posizionato sulla quarta vertebra lombare.
  • Sul passaporto di Ben, si leggono le lettere “HNSO”, il cui suono è simile alla parola Hanso.
  • Quando Locke, durante la sua prigionia nel Cigno, gli porge una copia de “I fratelli Karamazov”, Ben gli chiede se non hanno qualcosa di Stephen King . (“Maternità”) Tre mesi prima Ben aveva manifestato il suo disprezzo a Juliet nei confronti di un romanzo di King,”Carrie”. (“Una di noi”) La trama de “I fratelli Karamazov” è incentrata su quattro fratelli accusati di aver ucciso il padre.
  • Nell’episodio “Attraverso lo specchio” il colore degli occhi di Ben cambiano, passando da un verde brillante (che si nota quando sta parlando con Richard) a un grigio bluastro (mentre sta conversando con Jack).
  • A causa del suo falso nome Henry, utilizzato durante la seconda stagione dello show, alcuni fan chiamano il personaggio di Ben usando il soprannome “Benry”.
  • I veicoli utilizzati durante la scena d’apertura della puntata Ben-centrica “L’uomo dietro le quinte” possono aiutarci a darci qualche precisazione sull’anno di nascita del personaggio.

Una fonte anonima collegata alla produzione della serie ha dichiarato che erano state richieste automobili del 1963 o precedenti a quell’anno per la ambientazione a Portland. La macchina di color verde che appare sulla scena è una Dodge Dart Hardtop a due porte del 1965 (alcuni accessori dell’auto sono differenti da quelle prodotte nel ’63 e nel ‘64).

  • Nei commenti contenuti nei DVD della terza stagione di Lost riguardo l’episodio “L’uomo dietro le quinte” viene fatto un confronto tra il personaggio di Ben, il leader e quello di Richard, colui che nomina il leader. Tra i due c’è stato un passaggio di potere e la stessa cosa dovrà farla Linus, una volta designato un erede per guidare l’Isola (un procedimento simile a quello che avviene nella religione buddista per il ruolo del Dalai Lama). I due uomini, inoltre, si controllano a vicenda per impedire che uno dei due sopravanzi.
  • Sempre nello stesso commento, viene descritto il conflitto tra Ben e Locke come un regolamento di conti che ha come scopo finale il titolo di padrone dell’Isola.
  • Ben è responsabile della morte di entrambi i suoi genitori (come già detto prima) e il fatto che chieda insistentemente a John Locke di uccidere il proprio padre ricorda da vicino uno schema Edipico.
  • Come mostrato in “Cambio delle regole”, Ben sa suonare il pianoforte ed esegue un brano tratto dal Preludio in do diesis minore di Sergei Rachmaninoff.
  • In “L’economista”, Ben mostra delle capacità mediche fino ad allora sconosciute, curando la ferita al torace di Sayid e usando una siringa (a dispetto della sua dichiarata paura degli aghi).

Cast addizionale Modifica

Domande irrisolte Modifica

Domande senza risposta
  1. Non rispondere alla domande in questa pagina.
  2. Mantieni le domande aperte e neutrali: non suggerire già nelle tue parole la risposta.
Per le teorie su queste domande, vedi: Benjamin Linus/Theories

Prima dell'Isola Modifica

  • Quanto tempo Ben ha trascorso fuori dall'Isola prima di giungervi da bambino?

Prima dell'incidente aereo Modifica

Dopo l'incidente aereo Modifica

  • Perchè Ben, da capo degli altri, parte da solo in missione, facendosi ritrovare dalla Russeau?
    • Che sia stato tutto premeditato? A quale scopo?
    • È abbastanza probabile questa ipotesi. Data l'arguzia di Ben, difficilmente un personaggio del suo calibro si sarebbe esposto troppo apertamente in questo modo.
      • Che sia stato inviato per conto di Jacob a cercare qualcuno? Magari John Locke.
  • Dato che si suppone che Ben avesse la possibilità di lasciare l’Isola a suo piacimento,come mai ha bisogno che Jack lo operi e rimuova il suo tumore?
  • Se, come dimostrato dai casi di John Locke e Rose Nadler, l’Isola ha capacità taumaturgiche, come mai Ben si è ammalato?
  • Quando Ben, prigioniero nel Cigno, ha detto a John che si stava recando da lui, stava raccontando la verità?
  • Perché Ben ha detto a Locke che premere il bottone della stazione Cigno è un’azione senza significato, anche quando era un’operazione fondamentale per l’esistenza dell’Isola?
  • Perché Ben ha detto a Jack, Locke e agli Altri di essere nato sull’Isola quando in realtà è venuto alla luce a Portland (come visto in L'uomo dietro le quinte)?
  • Dove si è recato e cosa ha fatto esattamente quando si è rinchiuso nella stanza segreta della sua casa in Cambio delle regole? Come è riuscito a richiamare a sé e a gestire il Mostro?
  • Come mai Miles è sicuro che Ben possa riuscire a rinvenire 3.2 milioni di dollari, pur non potendo muoversi dall’Isola?

Dopo l'Isola e il trasporto spazio-temporale Modifica

  • Chi si trova sulla lista di Ben?
  • Quali sono le regole stabilite tra Ben e Widmore?
  • Perché il magnate britannico crede che Ben gli abbia sottratto l'Isola?

Galleria fotograficaModifica

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.