FANDOM


"Gli altri 48 giorni" è il settimo episodio della Seconda stagione di Lost, e il 32esimo dell'intera serie. L'intero episodio è un flashback e racconta cosa sia successo ai sopravvissuti della sezione di coda del Volo Oceanic 815 dal momento dell'incidente fino al giorno presente. Ana Lucia e Mr. Eko diventano il leader di questo gruppo di sopravvissuti ed, assieme ai suoi compagni, diventa preda degli attacchi di altri abitanti indigeni dell'Isola.

TramaModifica

FlashbackModifica

Oth1

La sezione di coda del volo Oceanic 815 si schianta nell’oceano

Primo giorno La tranquillità di una spiaggia tropicale viene interrotta da un suono sempre più forte e poco dopo dalla caduta in mare della sezione di coda del volo Oceanic 815. Ana Lucia emerge dall’acqua e, guardandosi attorno, vede attorno a sé alcuni corpi, molte parti dell’aereo distrutto e molte persone ancora vive che gridano e tentano di nuotare verso la spiaggia. A fatica la donna riesce a raggiungere la riva e poi comincia a portare in salvo le altre persone. Fra i sopravvissuti le danno una mano l’hostess Cindy, Libby ed Eko. Eko porta in salvo un bambino e poi si rituffa in acqua per salvare la sua sorellina. Ana Lucia lo aiuta e comincia a praticare la respirazione bocca bocca alla bambina mentre Eko allontana il bambino che stringe a sé un orsacchiotto. Dopo alcuni tentativi la bambina si riprende e chiede di sua madre che doveva venire a prenderla a Los Angeles: Ana Lucia, mentre si guarda attorno stupita e preoccupata, le dice di non preoccuparsi perchè presto tornerà a casa dalla sua mamma.

9-Ana-Lucia-Pulls-People-Fr

Ana Lucia trasporta fuori dall’acqua alcuni dei suoi compagni di viaggio

Eko lascia i bambini a Cindy e quindi si appresta a portare a riva i cadaveri ancora in mare. Nel frattempo Libby si prende cura di un uomo di nome Donald che ha una gamba fratturata e gliela sistema fasciandogliela strettamente. Un altro uomo, Goodwin, chiede aiuto a Ana Lucia per salvare alcune persone che sono precipitate nella giungla ed Ana Lucia lo segue fino a giungere alla base di un albero. Due persone, una delle quali è Bernard, sono rimaste incastrate con il loro sedile su un alto ramo; il ragazzo al fianco di Bernard è morto. Ana Lucia grida all’uomo di slacciarsi la cintura di sicurezza e di afferrare il ramo più vicino ma l’uomo ha molta paura e non riesce a decidersi. Alla fine, dopo una serie di insistenze da parte di Ana Lucia e di Goodwin, Bernard riesce ad aggrapparsi ad un ramo lì vicino ed a rimanervi appeso appena prima che i sedili precipitino al suolo; Ana Lucia allora si arrampica sull’albero e lo aiuta a scendere.

Più tardi, quel pomeriggio, Ana Lucia si avvicina a Goodwin che sta tentando di accendere un fuoco per farsi avvistare dagli aerei di soccorso. Ana Lucia chiede all’uomo se lui sia un boy scout: Goodwin risponde che lavorava nei Corpi di Pace. Quella sera Bernard si avvicina a Eko e gli chiede se per caso lui abbia trovato in acqua il cadavere di una donna di colore, sua moglie Rose, perché lui non riesce a trovarla. Eko gli risponde di no e lo rassicura dicendogli che pregherà per lei e per i soccorsi. Quella notte i naufraghi vengono svegliati da alcuni rumori e da delle voci spaventate: Ana Lucia e Goodwin seguono le voci e trovano Eko vicino a due cadaveri sul terreno che loro non hanno mai visto prima: Eko tiene in mano una roccia sporca di sangue.

Secondo giorno Mentre i sopravvissuti perquisiscono i corpi dei due uomini morti senza trovare alcun tipo di documento, cellulare o segno di riconoscimento, un ragazzo, Nathan, dice al gruppo che mancano tre persone all’appello. Eko, mentre gli altri parlano, resta in silenzio e prende un ramo che sfronda e vuole utilizzare come un bastone. Ana Lucia capisce che gli uomini che li hanno attaccati durante la notte, gli Altri, erano sull’isola già prima del loro incidente e propone al gruppo di allontanarsi dalla spiaggia. Cindy afferma che secondo lei sarebbe meglio restare lì ed accendere un fuoco per farsi avvistare perché prima dell’incidente lei aveva sentito i piloti che dicevano che erano finiti molto fuori rotta senza poter comunicare via radio: i soccorsi, quindi, non sanno dove cercarli.

Settimo giorno Donald, l’uomo con la gamba fratturata, muore in seguito ad un’infezione alla ferita e viene sepolto. Libby si avvicina ad Eko, che non ha più parlato da quando ha ucciso i due uomini che li hanno aggrediti, e dice all’uomo che non deve preoccuparsi per quello che ha fatto perché è stata legittima difesa e quindi lui non deve rimproverarsi nulla. Eko non risponde e continua a lavorare al suo bastone.

800px-AnaList2x07

Ana Lucia e Nathan leggono la lista trovata addosso ad uno degli Altri

Dodicesimo giorno Durante la notte gli Altri ritornano e rapiscono altre nove persone. Durante la colluttazione Ana Lucia uccide uno dei suoi aggressori e trova nella sua tasca un coltellino ed una lista nella quale sono indicati minuziosamente i nomi e le caratteristiche di nove dei sopravvissuti, quelli che sono stati rapiti. Il giorno seguente il dubbio serpeggia nel gruppo perché nessuno riesce a capire come gli Altri sapessero così tante cose di loro: Ana Lucia accusa Nathan, che il giorno prima si era allontanato da solo dalla spiaggia, di essere una spia. Il gruppo decide di spostarsi dalla spiaggia e cercare rifugio all’interno dell’Isola.

Diciassettesimo giorno Il gruppo ha trovato un posto sicuro dove accamparsi ed Ana Lucia comincia a scavare una buca: Libby le si avvicina e le chiede se lei pensi veramente che uno di loro possa essere uno degli Altri. Ana Lucia risponde che sta scavando una buca proprio per scoprirlo.

Diciannovesimo giorno Ana Lucia raggiunge Nathan, lo colpisce e lo stordisce: poi, approfittando del fatto che il ragazzo è privo di sensi, lo trasporta fin nella buca che ha scavato e lo butta dentro, imprigionandolo. La ragazza è convinto che lui sia una spia ed effettivamente nessuno degli altri sopravvissuti si ricorda di averlo visto sul volo. La sera Ana Lucia va ad interrogarlo e, insospettita dalle sue risposte e dai suoi silenzi, si convince che Nathan non fosse con loro sull’aereo: la ragazza decide quindi di non dargli da mangiare per obbligarlo a confessare.

Ventitreesimo giorno Mentre Ana Lucia tenta di nuovo di interrogare Nathan per sapere cosa lui ed i suoi amici abbiano fatto ai bambini ed agli altri naufraghi che hanno rapito d’un tratto la ragazza scopre che qualcuno sta nutrendo Nathan di nascosto. Raduna quindi il gruppo e si arrabbia molto con chi sta tentando di ostacolare il suo interrogatorio: quando però scopre che il responsabile di quel gesto è Eko, che non ha ancora parlato dal giorno della prima aggressione, la ragazza si trattiene dal dire quel che pensa. Goodwin intanto cerca di convincere Ana Lucia a liberare Nathan perché loro non sono dei selvaggi: Ana Lucia gli dice che se fosse stata una selvaggia avrebbe già tagliato un dito a Nathan ed afferma che il giorno seguente ha proprio intenzione di fare quall’azione. Quella sera Goodwin, favorito dal buio, apre la buca e libera Nathan dicendo al ragazzo che deve scappare perché Ana Lucia ha intenzione di torturarlo: mentre il ragazzo si allontana, però, Goodwin lo prende alle spalle e gli spezza l’osso del collo, quindi trascina il cadavere nella giungla.

Oth3

Il gruppo dei sopravvissuti della sezione di coda scopre l’ingresso della Stazione Freccia

Ventisettesimo giorno Cindy informa il gruppo che Nathan è fuggito e che non è più in fondo alla buca: il gruppo decide allora di spostarsi prima che Nathan ritorni con i rinforzi. Vagabondando nella giungla i sei sopravvissuti scoprono una porta con la scritta QUARANTENA. Entrando nel passaggio oltre la porta il gruppo trova una sorta di magazzino all’interno della montagna che reca un Logo Dharma a forma di freccia: si tratta della Stazione Freccia. In un baule nel magazzino i sopravvissuti trovano una Bibbia, un occhio di vetro ed una radio funzionante. Siccome però in quel punto dell’isola non c’è campo Goodwin si offre di trovare un luogo più elevato per provare ad usarla; Ana Lucia decide di accompagnarlo. Mentre camminano Ana Lucia chiede a Goodwin come lui si spieghi che la prima sera gli Altri abbiano deciso di rapire proprio quelle tre persone: Goodwin dice che probabilmente hanno aggredito per primi quelli che ritenevano essere più forti e quindi una minaccia per loro. Mentre i due si fermano per fare una sosta cominciano poi a discutere del coltellino che Ana Lucia ha trovato addosso ad uno dei loro aggressori: l’oggetto sembra essere molto vecchio e né lei né Goodwin riescono a spiegarsi come un oggetto del genere possa essere arrivato sull’isola.

Di punto in bianco Ana Lucia chiede a Goodwin come mai il giorno dell’incidente lui fosse completamente asciutto malgrado la caduta in acqua dopo lo schianto. Goodwin si accorge di essere stato smascherato e racconta alla ragazza che è stato costretto ad uccidere Nathan perché, se lei lo avesse torturato e Nathan avesse continuato a dire che lui si trovava sull’aereo, lei avrebbe capito che aveva imprigionato la persona sbagliata: Nathan, comunque, era una persona cattiva ed infatti non si trovava sulla loro lista. Goodwin informa Ana Lucia che i bambini stanno bene e stanno sicuramente meglio dove si trovano piuttosto che con loro. Ana Lucia, furente, si getta addosso a Goodwin e, durante la colluttazione che ne segue, i due rotolano giù per una scarpata. Per autodifesa Ana Lucia raccoglie un bastone appuntito e trafigge Goodwin uccidendolo. La ragazza torna poi dai suoi compagni e li informa che ora sono al sicuro.

Oth4

Ana Lucia trafigge Goodwin con un bastone appuntito

Quarantunesimo giorno Bernard riesce a captare un segnale con la radio (si tratta di Boone, sull’altro lato dell’isola, all’interno del Beechcraft): una voce di uomo chiede aiuto e dice che lui ed i suoi compagni sono i sopravvissuti del Volo Oceanic 815. Bernard, interdetto, fa appena in tempo a rispondere che sono loro ad essere i sopravvissuti di quel volo che Ana Lucia gli prende la radio dalle mani e la porta via con sé, dicendo che quello che ha sentito alla radio era sicuramente uno degli Altri e che non è assolutamente possibile che ci siano altri sopravvissuti al disastro aereo. Più tardi, mentre piange vicino ad un fiume, la ragazza viene avvicinata da Eko che la consola: ora che sono passati quaranta giorni, infatti, è tempo che lui ricominci a parlare.

2x07 cindy libby

Cindy e Libby trovano Jin sulla spiaggia

Quarantacinquesimo giorno Cindy e Libby trovano Jin che, trasportato dalla corrente, è adagiato sulla spiaggia. Il gruppo benda allora l’uomo, lo lega ad un palo e comincia ad interrogarlo ma Jin non capisce cosa loro gli stiano chiedendo. Approfittando di un momento in cui i suoi assalitori sono distratti Jin riesce a liberarsi dal palo a cui era legato e, pur se inseguito, corre sulla spiaggia e si imbatte in Sawyer e Michael appena arrivati a riva. Il gruppo dei sopravvissuti della sezione di coda cattura i tre naufraghi e li butta nella buca. Ana Lucia chiede poi a Eko di ferirla e di buttarla nella buca perché vuole capire chi siano in realtà i loro prigionieri; riesce quindi a rubare la pistola di Sawyer ed a farsi tirar fuori dalla buca.

Quarantottesimo giorno Dopo aver condotto i prigionieri all’interno della Stazione Freccia, aver assistito alla fuga di Michael ed al suo ritrovamento, all’incontro con gli Altri ed aver attraversato l’Isola per raggiungere la spiaggia dei sopravvissuti della sezione centrale il gruppo che porta Sawyer in barella viene spaventato da una serie di sussurri nella foresta, proprio mentre comincia a piovere. Ana Lucia si accorge di qualcuno che si muove fra le frasche: spaventata dalla appena avvenuta scomparsa di Cindy e dai sussurri la ragazza esplode un colpo di pistola e colpisce Shannon in pieno ventre proprio mentre la ragazza sbuca da dietro un albero in cerca di Walt. Alle sue spalle Jin, Michael, Sawyer e gli altri sopravvissuti della sezione di coda guardano disperati Sayid con Shannon accasciata fra le braccia.

CuriositàModifica

GeneraleModifica

Tematiche ricorrentiModifica


Tematiche ricorrenti in Lost
AnimaliBianco e neroIncidenti stradaliConnessioni tra i personaggiBambiniOcchiFato contro libero arbitrioBuoni e cattiviPrigioniaIsolamentoVita e morteParti del corpo mancantiSoprannomiI NumeriProblemi familiariGravidanzeGiustapposizioniPioggiaRinascitaRedenzioneRelazioniSacrificioSegretiSogniTempoTruffe e inganni



Sopravvissuti della sezione di coda vdm
Episodi dedicati "Gli altri 48 giorni"
Personaggi dei flashback Ana LuciaBernardCindyEkoGoodwinLibbyNathanDonaldEmmaZack
Oggetti FrecciaBibbiaOcchio di vetroRadio

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale