FANDOM


  Teorie  | deutschenglishespañolfrançais日本語nederlandspolskiportuguêsРусский中文 


"Ricerca febbrile" è l'undicesimo episodio della Quarta stagione di Lost, e il 83esimo dell'intera serie. Locke, Hurley e Ben viaggiano attraverso la foresta in cerca della capanna di Jacob. Sulla Kahana, intanto, grandi tensioni insorgono quando Keamy prepara il suo ritorno sull'Isola.

TramaModifica

Flashback Modifica

Emilyevereday

Emily Locke ascolta il disco "Everyday"

Emily Locke, adolescente, ascolta "Everyday" di Buddy Holly, nella sua stanza, ballando e preparandosi ad uscire. Sua madre entra in quel momento e chiede seccamente alla ragazza se lei stia preparandosi per uscire con "lui". La ragazza risponde affermativamente ed a nulla valgono le proteste della madre che dice che quell’uomo ha il doppio dell’età di Emily: la ragazza ribatte che nessuno potrà impedirle di uscire con quell’uomo e che lei ne è innamorata. Emily esce di corsa di casa, coprendosi dalla pioggia e scappando dalle proteste della madre che la segue fin sulla soglia della casa: mentre attraversa la strada, però, Emily non fa attenzione e viene investita da un’auto che sopraggiunge. Più tardi la ragazza si risveglia sulla barella del pronto soccorso mentre medici e infermieri la stanno portando in sala operatoria per operarla e bloccare l’emorraggia interna. Ripresa parziale coscienza dell'accaduto Emily comunica alle infermiere di essere incinta e di essere entrata nel sesto mese di gravidanza. Poco dopo, in sala operatoria, tra lo stupore di medici ed infermieri la ragazza partorisce un bimbo prematuro. Il neonato è un maschio e viene immediatamente messo in incubatrice. Emily chiede di poterlo tenere in braccio, ma un'infermiera le risponde che non è possibile perché il bambino prematuro. Mentre le infermiere portano via l’incubatrice Emily, piangendo, chiede loro di chiamarlo John.

Richardlocke

Richard Alpert assiste all'uscita di Locke dall'incubatrice

Qualche mese dopo il bimbo è cresciuto ed è abbastanza grande da poter essere tirato fuori dall’incubatrice. Emily e sua mamma ascoltano un’infermiera che dice loro che il bambino è un caso miracoloso perché è sopravvissuto pur essendo nato di sei mesi e perché ha superato non pochi ostacoli nella sue breve vita, sconfiggendo parecchie infezioni e malattie. L’infermiera chiede ad Emily se vuole prendere in braccio il suo bambino. Emily, improvvisamente, risponde di non essere pronta ad essere madre e scappa di corsa dalla stanza. Sua madre, distaccata, chiede all’infermiera quale sia la procedura per lasciare il bambino in adozione. Improvvisamente però la conversazione fra le due donne è interrotta dall'apparizione improvvisa di un uomo che da una finestra che dà sul corridoio fissa l’interno della stanza ed il piccolo John: si tratta di Richard Alpert. La madre di Emily, sorpresa, ribatte di non conoscere quell’uomo.

Richard6oggetti

I sei oggetti proposti a John da Richard Alpert

Qualche anno dopo John è ormai un ragazzino. In una giornata di pioggia John sta giocando da solo a Backgammon nel salone della sua casa dove vive con la famiglia che lo ha adottato. Sua sorella adottiva, Melissa, lo disturba mentre gioca. D’un tratto sua madre adottiva entra in casa e gli presenta un uomo, Richard Alpert, che vorrebbe fare due chiacchiere con lui e ne confronti del quale lui deve comportarsi bene. Richard si presenta come il direttore di una scuola per ragazzi estremamente speciali e, nell'ipotesi che John lo sia, vuole sottoporlo a un piccolo test. Prima di cominciare il test, però, Richard nota un disegno fatto dal piccolo John che colpisce la sua attenzione: il disegno raffigura un uomo apparentemente morto o morente accanto ad una grande colonna di fumo nero che lo avvolge. Richard, dopo aver invitato John a sedersi, posa su un tavolo sei oggetti: un guanto da baseball, un libro di favole, una boccetta con dentro della sabbia, una bussola, un fumetto di storie misteriose ed un coltello. L’uomo chiede a John di riconoscere quali fra quegli oggetti lui sente che gli appartengono. John esita un minuto osservando gli oggetti e poi afferra la boccetta con la sabbia, la bussola ed il coltello. Richard, vedendo John afferrare il coltello, mostra un forte disappunto. Poi l’uomo raccoglie gli oggeti, si alza e dice ha John che ha scelto sbagliato. Mentre esce dalla casa l’uomo aggiunge, riferendosi alla madre di John, accorsa in quel momento, che il bambino non è adatto per la sua scuola.

Lockeadolescente

Locke, adolescente, in infermeria

Anni dopo John viene aiutato da un professore ad uscire da un armadietto della scuola dove è stato rinchiuso dopo essere stato picchiato. Mentre l’uomo sorregge John e lo aiuta a raggiungere l’infermeria alcune ragazze lo deridono divertite. John, arrivato in infermeria, riceve dal suo professore la notizia che un certo dottor Alpert, capo della società Mittelos Laboratories di Portland che sta facendo grandi progressi in ogni campo scientifico, gli ha proposto di partecipare ad un campus universitario. Il ragazzo è visibilmente riluttante e spiega al professore di preferire di gran lunga interessi come la boxe, la pesca o lo sport in generale rispetto ad un qualunque tipo di studio scientifico. L'insegnante gli spiega che lui non sarà mai portato a fare tutte quelle cose. John, arrabbiato, gli grida allora contro dicendogli che nessuno può dirgli che lui non può fare qualcosa. Poi, furente, lascia la stanza.

Abaddonlocke

Matthew Abaddon consiglia a Locke di compiere un viaggio in Australia

Molti anni dopo Locke, dopo essere sopravvissuto alla caduta dall’ottavo piano di un palazzo, sta seguendo a fatica gli esercizi che si sono imposti per la fisioterapia: l’uomo appare molto scoraggiato dai suoi scarsi risultati. John viene poi riaccompagnato in camera da un inserviente. L’uomo, mentre spinge la carrozzina a rotelle, gli dice di non smettere di lottare: si tratta Matthew Abaddon. Quando John ribatte che è inutile per lui sperare visto che non potrà camminare mai più Matthew ribatte che deve credere nei miracoli a maggior ragione perchè è sopravvissuto ad una caduta dall’ottavo piano di un palazzo: lo stesso Matthew ha ricevuto un miracolo. Matthew chiama un ascensore e consiglia a John di intraprendere un Walkabout, un viaggio di sopravvivenza nell’entroterra australiano per scoprire chi lui sia davvero. Locke appare molto diffidente, soprattutto date le sue condizioni, ma Abaddon insiste. Mentre le porte dell’ascensore si chiudono Matthew dice a Locke che, quando loro due si rivedranno, lui gli dovrà un favore.

Sulla Kahana Modifica

Desmond sta dormendo tranquillo nella sua cabina quando viene svegliato da Sayid: l’uomo gli dice che l'elicottero è tornato. I due uomini salgono sul ponte della nave e vedono Keamy scendere dall'elicottero. Alcuni dei suoi uomini trasportano verso il dottor Ray, su di una barella, un loro compagno ferito. Ray, notando che le ferite sul corpo dell’uomo non sono prodotte da un'arma da fuoco, chiede a Keamy cosa abbia ferito il suo uomo. Keamy risponde che una colonna di fumo nero ha attaccato lui ed i suoi uomini, ha scagliato il ragazzo per aria e gli ha strappato le budella. Keamy si dirige minacciosamente verso Sayid e gli chiede esattamente quante persone siano sull'isola e dove esse si trovino. Sayid chiede a Keamy perché dovrebbe dirglielo. La discussione fra i due uomini è interrotta dall'arrivo del Capitano Gault. Keamy assale allora il capitano del battello dicendo che lo ha tradito dicendo a Benjamin Linus tutti i suoi dati personali. Il Capitano Gault ribatte di non essere stato lui a tradirlo: Keamy, incuriosito, gli chiede chi sia stato.

Gault porta Keamy nella cabina dove trova il Michael ammanettato ad un branda. Keamy dà un calcio al supporto della branda e questa cade sulla gamba di Michael, schiacciandogliela e bloccandogliela. Mentre Michael urla di dolore Keamy mette un piede sulla branda, facendo forza, e chiede all’uomo se sa chi lui sia. Dopo una breve esitazione Michael decide di non mentire e rivela all’uomo di sapere il suo nome e di averlo riferito a Ben. La rabbia del soldato sembra essere contenuta. D’un tratto, però, l’uomo estrae una pistola, gliela punta alla testa e preme il grilletto. Il colpo però non parte, con grande sorpresa di Keamy che ci riprova più volte. Il Capitano Gault dice a Keamy di non far del male al prigioniero perché è l’unico che sappia riparare i motori della nave. Quando Keamy chiede a Gault come lui faccia a saperlo l’uomo ribatte che è stato Michael a sabotarli. Keamy colpisce Michael con la pistola e l’uomo perde i sensi.

Uscito dalla cabina Keamy dice al Gault che ha bisogno della sua chiave. In quel momento i due sono raggiunti da Frank che riferisce la morte del loro compagno Mayhew a causa delle ferite che aveva riportato sull’isola. Keamy ordina a Frank di preparare l’elicottero perché presto torneranno sull’isola. Gault prova a dissuadere Keamy dal tornare sull'isola e gli racconta quello che è successo sulla nave durante la sua assenza: lo strano comportamento di alcune persone dell’equipaggio ed il suicidio di Regina. Il mercenario sbatte Gault contro il muro, gli prende la chiave che porta al collo ed entra nella sua cabina. L’uomo afferra una seconda chiave, che lui stesso porta al collo e la usa, assieme a quella di Gault, per aprire una cassaforte da cui estrae un fascicolo rosso. Gault gli chiede di cosa si tratti. Keamy risponde che si tratta del Protocollo Secondario e che in esso è indicato dove si sta dirigendo Benjamin Linus. Charles Widmore ha infatti indicato nel protocollo l’unico posto che sarà sicuro quando loro daranno fuoco all’isola. Alla reazione sconcertata di Gault, che credeva che quella fosse una missione di recupero, Keamy non reagisce.

Sul ponte, intanto, Desmond e Sayid si chiedono chi o cosa abbia ridotto in quel modo i mercenari. Gault esce sul ponte e comunica a Omar che Keamy lo sta aspettando in armeria: mentre l’uomo si allontana il suo telefono satellitare comincia a suonare e l’uomo riceve il messaggio morse proveniente dall’isola. Approfittando del fatto che sono rimasti soli sul ponte il capitano consiglia a Desmond e Sayid di andare a nascondersi in una cabina della stiva nella quale ha lasciato abbastanza cibo e acqua in modo che Keamy non li trovi. Sayid però non vuole nascondersi e propone a Gault di imprestar loro il gommone Zodiac della nave per cominciare a portare via dall'Isola le persone, così da salvarle. Gault acconsente all’idea e dà appuntamento a Sayid dietro il container: troverà il gommone in acqua.

Sayidvia

Sayid si dirige verso l'Isola a bordo dello Zodiac

Nella cabina di Michael, intanto, Frank aiuta l’uomo a rialzarsi ed a rimettersi in piedi. Frank chiede a Michael perché non gli abbia detto di essere un sopravvissuto del volo 815 visto che lui è l’unico sulla Kahana a credere che il relitto dell’aereo trovato in fondo all’oceano sia un falso. Michael risponde che non sapeva se poteva fidarsi visto che è stato lo stesso Charles Widmore che finanzia quella missione a creare il relitto falso. Michael aggiunge poi che Frank non deve ricondurre Keamy sull’isola o tutte le persone che si trovano là moriranno. Mentre escono dalla cabina i due notano Omar che sta sistemando uno strano strumento elettronico al bicipite di Keamy. Non appena Keamy si accorge di essere osservato Omar chiude la porta della stanza. Dietro al container, intanto, Gault spiega a Sayid di seguire la rotta 305 per tornare sull’isola. Desmond dice a Sayid di non voler più tornare sull’isola e gli comunica che lui resterà sulla Kahana in attesa della spedizione di salvataggio mandata da Penelope. Sayid salta allora sul gommone, lo mette in moto e si stacca dalla nave dirigendosi vero l’Isola.

Giunta la notte, Desmond guarda preoccupato i mercenari che caricano ogni genere di armi sull'elicottero. Omar si avvicina al dottor Ray di aver ricevuto una trasmissione morse dall’isola che diceva che il suo cadavere era stato trovato sulla spiaggia, portato dalle onde e con la gola tagliata. Omar ed il dottore non riescono a capire cosa quella cosa significhi. In quel momento Keamy si avvicina ai due, interrompendo la loro conversazione. Frank dice a Keamy che non porterà lui ed i suoi uomini armati sull’isola: lui si è infatti unito al gruppo per offrire i suoi servigi per una missione scientifica, non militare. Keamy minaccia Frank di ucciderlo ma l’uomo ribatte che non può ucciderlo perché lui è l’unico che può portarlo sull’isola. Keamy, allora, si avvicina a Ray e, senza preavviso, lo afferra da dietro e gli taglia la gola: poi getta in mare il cadavere dell’uomo. Keamy dice a Frank che se non cambierà idea lui ucciderà altre persone sulla nave.

Keamyaffare

L'oggetto che Keamy porta legato al braccio

Un colpo di pistola interrompe il dialogo fra i due: il Capitano Gault punta la pistola contro Keamy e minaccia di uccidero se non lascerà stare il suo equipaggio. Keamy alza allora tranquillamente le mani in segno di resa e mostra al capitano l’oggetto che porta legato al braccio. Gault, incredulo, abbassa la guardia chiedendo ai suoi uomini di cosa sia l’oggetto che Keamy ha indosso: Keamy, approfittando della distrazione di Gault, afferra una pisola e spara al capitano. L’uomo cade a terra morto. Sonvolto da quanto accaduto Frank dice a Keamy che condurrà lui ed i suoi uomini sull’isola. Mentre gli uomini salgono sull’elicottero Frank accende il suo telefono satellitare e lo nasconde dentro ad uno zaino. Poi l’elicottero decolla e si allontana dalla nave.

Sull’isola Modifica

Hurley, Locke e Ben stanno camminando nella giungla illuminando i loro passi con delle torce. Hurley chiede a John dove siano diretti. John risponde che stanno cercando la capanna di Jacob nella speranza che il suo occupante possa spiegare loro cosa fare con gli uomini che sono venuti a salvarli. Hurley chiede a John e Locke dove si trovi la cascina ma nessuno sembra saperlo: lui stesso, pur essendo stato l’ultimo a vederla, non ha idea di dove si trovi la costruzione che sembra spostarsi misteriosamente. I tre, non sapendo cosa fare, decidono di accamparsi per la notte.

Horacesogno

Horace Goodspeed dice a John che deve trovarlo

La mattina seguente Locke viene svegliato dal rumore di un ascia che colpisce del legno. Seguendo il rumore l’uomo si imbatte in Horace Goodspeed che sta abbattendo degli alberi. Locke chiede all’uomo quale sia il suo nome e cosa stia facendo: l’uomo risponde di chiamarsi Horace e di essere un uomo del progetto DHARMA e che sta costruendo una capanna per lui e per sua moglie per prendersi una pausa dalla D.I. (DHARMA Initiative). Locke, confuso, ribatte di non aver capito. Horace si gira verso di John e, sorridendo e con del sangue che gli cola al naso, replica che a cosa è naturale perché lui è morto dodici anni prima. Detto questo Horace si volta e va di nuovo ad abbattere lo stesso albero che aveva appena abbattuto e che miracolosamente risulta essere di nuovo in piedi. Locke, sorpreso, lo osserva. Horace dice a John che lui deve trovarlo e che, quando l’avrà trovato, troverà anche “lui”. Locke chiede a chi si stia riferendo. Horace gli spiega che sta parlando di Jacob e che l’uomo lo sta aspettando da molto tempo. Horace torna poi di nuovo ad abbattere lo stesso albero già abbattuto precedentemente dando a tutta la scena un qualcosa di surreale. Concludendo Horace benedice Locke e la sua ricerca.

Hurleyfossa

Hurley, attonito, davanti alla fossa comune

Locke si sveglia e trova Ben che lo sta osservando. John sveglia Hurley e si mette lo zaino in spalla. Quando Hurley gli chiede quale sia la loro meta visto che la sera prima non sapevano dove andare John lo informa che ora sa quale sia la loro meta. Ben osserva John e, sorridendo, gli dice che un tempo anche lui sognava. John fa segno ai due compagni che è tempo di andare. Mentre camminano nella giungla Hurley chiede a John perchè lui si trovi lì con loro due: John risponde che è con loro perchè lui riesce a vedere la capanna di Jacob. Hurley è convinto che solo lui, John e Ben possano vedere la cascina per sono i più pazzi del gruppo. Hurley chiede poi a John come faccia ora a sapere dove si trovi la capanna: John risponde di non saperlo ma di sapere dove andare per scoprirlo. L’uomo chiede a Hurley se lui sappia che fine abbiano fatto tutti i componenti del gruppo DHARMA: quando Hurley risponde di non saperlo John gli spiega che Ben li ha uccisi tutti ed indica la fossa comune nella radura di fronte a loro.

Mentre John scende nella fossa e comincia a cercare fra i corpi Hurley chiede a Ben se sia stato davvero lui ad uccidere tutte quelle persone: Ben risponde di non essere resposabile di quelle morti perché quella decisione fu presa dal capo degli Altri. Hurley, sorpreso, dice a Ben che pensava fosse lui il capo degli Altri: Ben commenta che non è sempre così. Intanto, dopo aver un po’ cercato fra i corpi, Locke trova il cadavere di Horace, riconoscibile attraverso il nome cucito sulla tuta. Locke cerca nelle tasche della tuta e trova la mappa della capanna di Jacob: su di essa compare il progetto della casa, costruita dallo stesso Horace, ed il luogo dove essa si trova.

John consulta la mappa e decide la direzione per trovare la capanna di Jacob. Poi l’uomo dice a Hurley che se vuole può tornare alla spiaggia, indicandogli la strada più veloce per raggiungerla. Hurley però rifiuta spiegando che preferisce restare con loro piuttosto che attraversare la giungla di notte e da solo. Quando il ragazzo si allontana Ben commenta che John è riuscito a far credere a Hurley che l’idea di restare con loro sia stata sua. John risponde che lui non è come Ben: l’uomo sarcasticamente concorda. Più tardi quella sera Ben chiede a John come faccia a sapere che la cascina non si sia spostata dal punto indicato sulla mappa: John ribatte che gli è stato detto che la cascina si trova in quel posto. Ben risponde che a lui sono state dette molte cose e che alla fine lui è finito con un tumore alla colonna vertebrale e le mani sporche del sangue di sua figlia. L’uomo aggiunge poi che John presto si accorgerà che essere il prescelto comporta delle conseguenze. In quel momento Hurley chiama i due compagni: in una radura poco oltre c’è la capanna di Jacob.

Beachgruppo

Il gruppo alla spiaggia osserva l’elicottero che vola sopra la spiaggia

Quella notte, sulla spiaggia, Jack si alza ed esce dalla tenda per andare a mangiare. Juliet, vedendolo fuori dalla tenda, lo rimprovera e gli dice che i medici sono i pazienti peggiori. In quel momento il rumore di un elicottero risuona in lontananza e tutti escono speranzosi e sorridenti dalle tende. L'elicottero appare presto alla vista, sorvola il campo e da esso viene fatto cadere qualcosa di pesante che abbatte una tenda. Jack corre a vedere e trova uno zaino: dopo averlo aperto ed aver cercato al suo interno Jack trova un telefono satellitare acceso che segnala la posizione dell'elicottero che si allontana verso il centro dell’isola. Jack spiega allora ai suoi compagni che probabilmente qualcuno a bordo dell’elicottero vuole che loro seguano l’elicottero.



Di fronte alla capanna di Jacob né Ben né Hurley vogliono entrare. Ben commenta che Locke è il prescelto e che quindi deve andare da Jacob da solo. Locke, timoroso, si dirige allora verso la cascina, accende una torcia ed entra nella capanna lasciando Hugo e Ben fuori ad aspettarlo. Dentro la capanna John nota una sagoma seduta su una sedia a dondolo. Alzando la lanterna l’uomo scopre Christian Shephard seduto nell'ombra. Christian si presenta a Locke e dice di parlare per conto di Jacob: l’uomo chiede a John se lui sa per quale motivo si trovi lì. John risponde di essere stato prescelto. Sentendo poi uno scricchiolio alla sua destra John si gira di scatto, alza la torcia e vede Claire, rilassata, che gli sorride. John, sorpreso, chiede alla ragazza cosa ci faccia lì: Claire risponde di stare bene e di essere lì con Christian. Alla domanda di John che le chiede dove sia Aaron Christian risponde che il bambino è dove dovrebbe essere, ovvero non lì.

L’uomo spiega poi a John che sarebbe meglio se lui non dicesse a nessuno di aver visto Claire. Quelli della nave stanno infatti tornando e presto tutto quello non avrà più importanza e quindi John dovrebbe porre l'unica domanda che ha senso in quel momento. John chiede allora a Christian come può salvare l'Isola: Christian sorride e guarda Claire che sorride a sua volta. All’esterno, intanto, Ben e Hurley aspettano John e si dividono una barretta Apollo. D’un tratto John esce dalla capanna. Ben e Hurley lo guardano avvicinarsi e si alzano in piedi. Quando John è vicino a loro Ben gli chiede se ora lui sappia cosa fare: John risponde affermativamente. Ben, impaziente, chiede a John cosa debbano fare. John, dopo aver preso fiato, risponde che dovranno spostare l’Isola.

Curiosità Modifica

GeneraliModifica

  • Nell'armadietto in cui viene rinchiuso Locke si può notare un poster dei Geronimo Jackson.
  • Il secondo protocollo che Keamy prende dal cassetto ha un'imagine raffigurante il logo Dharma presente sul parka di Ben. ("Cambio delle regole")
  • Charlotte, Daniel, Miles e Sawyer non sono mai apparsi nell'episodio. Jin, Kate, e Sun compaiono ma non svolgono nessuna azione rilevante.
  • Christian appare per la prima volta vestito come uno degli Altri e non con il suo solito completo giacca e cravatta con scarpe sportive bianche.

Bloopers ed errori di continuitàModifica

  • La canzone "Everyday" di Buddy Holly fu composta nel 1957 e pubblicata nel 1958, dopo quasi un anno dalla nascita di Locke nel maggio 1956. Perciò è impossibile che la ragazza potesse ascoltare la canzone quel giorno.

Domande senza risposta Modifica

Domande senza risposta
  1. Non rispondere alla domande in questa pagina.
  2. Mantieni le domande aperte e neutrali: non suggerire già nelle tue parole la risposta.
Per le teorie su queste domande, vedi: Ricerca febbrile/Theories
  • Come riesce Richard a raggiungere la terraferma?
  • Qual è il significato dei sei oggetti?
  • Cosa è successo ad Abaddon?
  • Perché Christian e Claire sono nella capanna?
  • Come l'Uomo in Nero, nelle sembianze di Christian, è riuscito a passare oltre il cerchio di cenere?
  • Com'è possibile che il cadavere del dottore del Kahana è arrivato sull'Isola prima ancora di essere ucciso sul cargo?

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.