FANDOM


"Vi presento Kevin Johnson" è l'ottavo episodio della Quarta stagione di Lost, e il 80esimo dell'intera serie. Sayid affronta la spia di Ben sulla Kahana mentre Ben consiglia ad Alex e alla Rousseau di lasciare il Villaggio degli Altri in vista di un prossimo attacco.

TramaModifica

Flashback Modifica

Michaelcraschh

Michael prova a suicidarsi schiantandosi con la macchina contro un cassone di metallo

Michael è seduto sul divano del suo appartamento di New York e sta scrivendo qualcosa su un block notes. L’uomo alza lo sguardo ed osserva malinconicamente una foto che lo ritrae con suo figlio Walt. Michael esce poi di casa, sale in macchina, accende la radio e si appunta con una spilla da balia il biglietto sulla giacca. Poi, con uno sguardo deciso negli occhi, accende il motore dell’auto e guida nel traffico fino ad arrivare su un molo. L’uomo preme a tavoletta il pedale dell’acceleratore e corre lungo il molo a velocità sostenuta. Arrivato in fondo al pontile l’uomo punta verso un enorme cassone di metallo senza rallentare: un attimo prima di schiantarsi contro il cassone Michale sussurra un “mi dispiace”. Segue poi un impatto fragoroso.

Tempo più tardi Michael si risveglia all'ospedale e si accorge di essere collegato ad un apparecchio che misura la sua frequenza cardiaca. Accanto a lui, in un letto vicino, un altro uomo è ricoverato e sembra dormire. Un’infermiera entra nella stanza portando delle coperte in mano: la donna dice a Michael che gli ha portato una coperta. Michael alza lo sguardo e, con un misto di terrore ed angoscia, vede di fronte a lui Libby. Michael si mette allora ad urlare disperatamente. Quando riapre gli occhi Michael scorge un’altra infermiera entrare nella stanza. La donna, che lui non conosce, gli si avvicina e gli chiede se lui voglia che lei contatti Walt, la persona il cui nome era indicato sul biglietto che gli è stato trovato addosso dopo l’incidente. Michael risponde che non è il caso. La donna lascia la stanza mentre Michael si guarda attorno pensieroso.

Waltwindow

Walt guarda Michael dalla finestra

Dimesso dall'ospedale Michael va a far visita a casa di sua madre per vedere Walt che sta con lei. La donna, però, non lo lascia nemmeno entrare in casa e gli impedisce di vedere il figlio. Michael protesta ma sua madre gli dice che non sa cosa lui abbia detto a Walt ma ora suo figlio non vuole più vederlo. La donna dice a Michael di aver creduto che lui e Walt fossero morti nell’incidente del volo 815. Poi però, improvvisamente, lui e Walt sono tornati a New York ma non hanno fornito nessuna spiegazione su cosa sia successo e su dove loro siano stati in quei due mesi in cui sono scomparti. Fino a quando Michael non le spiegherà cosa è successo in quel periodo di tempo lei non gli permetterà di vedere Walt. Michael, addolorato, chiede a sua mamma di dire a Walt che lui gli vuole bene e poi si allontana. Voltandosi verso la casa Michael scorge Walt che lo osserva da una finestra. Pochi istanti dopo, però, Walt si ritrae e chiude le tende.

Tornando a casa Michael entra in un malfamato negozio di monte dei pegni: l’uomo offre al commerciante l’orologio regalatogli da Jin. Il commerciante osserva l’orologio e nota le scritte in coreano sulla cassa: insospettito l’uomo dice a Michael che non crede proprio che lui sappia il coreano ma che può dargli 300 euro. Michael dice all’uomo di non volere dei soldi ma una pistola con dei proiettili. Poco dopo Michael esce di casa con un sacchetto in mano: arrivato in un vicolo buio Michael, terrorizzato e deciso a farla finita, si siede a terra, estrae la pistola, la carica e se la punta sotto il mento. In quel momento un uomo compare nel vicolo e gli chiede che ore siano: Michael, spaventato, nasconde la pistola e gli dice di non saperlo. L’uomo lo chiama per nome: Michael sorpreso, alza lo sguardo e riconosce Tom.

Tom Michael

Michael incontra Tom

Ripresosi dallo shock Michael impugna la pistola e spara a Tom ma l’uomo allontana il suo braccio e lo colpisce buttandolo a terra. Quando Tom gli offre la mano per rialzarsi Michael la accetta ma poi afferra una bottiglia e colpisce Tom sulla testa. Prima che possa fare altro, però, vede la sua pistola in mano a Tom: l’uomo gliela sta puntando contro. Michael scongiura allora Tom di ucciderlo ma l’uomo gli dice che non lo farà: invece, vedendo lo stato in cui versa Michael, Tom capisce che l’uomo ha raccontato a Walt quello che lui ha fatto a Ana Lucia e Libby e che il ragazzo ora si rifiuta di avere a che fare con lui, con un assassino: per questo stesso motivo Michael ha deciso di uccidersi. Tom spiega a Michael che l’Isola non permetterà che lui si uccida e che loro hanno ancora bisogno di lui. Quando lui vorrà ascoltare la loro proposta lo potrà trovare all'hotel Earle. Tornato a casa Michael decide di ripronare a farla finita: si punta la pistola alla tempia e preme il grilletto. Ma nulla accade: la pistola si inceppa malgrado abbia ancora tutti i proiettili nel tamburo. Quando sta per provare una seconda volta, improvvisamente, un’edizione straordinaria di un notiziario, alla televisione, annuncia il ritrovamento del relitto del volo 815 sul fondo dell’oceano con i cadaveri di tutti i suoi 324 passeggeri. Michael, esterrefatto ed incredulo, osserva la televisione senza dire parola.

Michael raggiunge Tom nella sua camera d’albergo. Tom, sorpreso che abbia deciso così in fretta, lo invita ad entrare e gli presenta il suo amico Arturo: Tom dice ad Arturo che ha bisogno di parlare da solo con Michael e l’uomo li lascia soli. Michael chiede a Tom cosa significhi la storia del relitto aereo sul fondo dell’oceano. Tom lo rassicura dicendogli che quel relitto è un falso messo là sotto da Charles Widmore per evitare che si scopra dove è finito il vero volo 815: l’uomo vuole mettere le sua mani sull’Isola ed ha inscenato tutto quella truffa per fare in modo che nessuno oltre a si metta a cercare l'aereo. Michael, stupefatto, chiede a Tom di mostrargli delle prove di quello che dice. Tom gli offre allora un fascicolo nero che contiene molta documentazione: fra la altre cose si tratta di una foto di un cimitero in Thailandia dove Widmore ha fatto riesumare oltre 300 cadaveri per far sembrare che fossero i passeggeri dell’aereo, l’acquisto dei rottami di un aereo dell’Oceanic ed il pagamento di un cargo che ha depositato l’aereo ed i passeggeri in fonda ad una fossa oceanica in modo da impedirne il recupero ed il riconoscimento dei corpi.

Michael vuole sapere perchè gli Altri abbiano ancora bisogno di lui: Tom gli spiega che, sotto il falso nome di Kevin Johnson, lui sarà il mozzo su una nave di Widmore che è diretta sull'isola: l’uomo è infatti riuscito a scoprire le coordinate dell’isola ed ha mandato il Cargo in missione segreta. Di fronte alle incertezze di Michael Tom insiste spiegandogli che se Widmore troverà l'isola ucciderà ogni singola persona presente su di essa. Se lui vuole redimersi per quello che ha fatto in passato Michael deve prestarsi a giocare il ruolo che loro hanno pensato per lui: eliminare la gente a bordo della nave impedendo che possano trovare l'isola e permettendo ai suoi ex compagni di avere salva la vita.

Meet Miles

Miles smaschera Michael

Qualche giorno dopo Michael raggiunge il molo dove è attraccata la Kahana e conosce George Minkowski. Poi, con il nome di Kevin Johnson, Michael si avvicina a Naomi e si registra come mozzo per la nave: la ragazza, sorridendo, lo avvisa che qualche giorno prima è arrivata una cassa con sopra il suo nome e che l’oggetto verrà portato nella sua cabina. Poi, mentre sale a bordo, Michael incontra Miles: l’uomo, con grande sorpresa di Michael, gli dice di sapere che Kevin Johnson non è il suo vero nome ma poi, sorridendo, lo rassicura dicendo che quasi tutti su quella nave hanno qualcosa da nascondere. Poi il telefono di Michael suona: Tom gli chiede come sia andato il viaggio. L’uomo gli dice di attendere qualche giorno prima di aprire la cassa che loro gli hanno spedito: Tom ricorda a Michael che tutti i suoi ex compagni moriranno tutti se lui non porterà a termine la sua missione. Poi Tom chiede di nuovo a Michael se lui abbia cambiato idea. Micheal, pur se colmo di ripensamenti, dice a Tom di essere pronto ad agire come da accordi. Tom gli suggerisce allora di sbarazzarsi del telefonino.

Più tardi, una volta salpati, Michael è sul ponte della nave ed è testimone di un litigio fra Frank Lapidus e Naomi: la ragazza afferma che lei sarà la prima ad andare ma Frank afferma di saper guidare un elicottero meglio della ragazza e di essere quindi il candidato privilegiato. Naomi ribatte che Frank dovrà occuparsi di trasportare il team scientifico: quando l’uomo le chiede le ragioni del suo viaggio e quale sia il suo incarico Naomi aggiunge che si tratta di informazioni riservate. Frank si avvicina poi Michael e gli si presenta come pilota di elicotteri: l’uomo chiede a Michael cosa lo abbia portato sulla Kahana e questi risponde di essere in cerca di avventura: Frank aggiunge poi che il proprietario della barca, Charles Widmore, si fida di lui e come lui è sicuro che il relitto del volo 815 trovato sul fondo dell’oceano sia un falso. Frank chiede poi a Michael cosa succederebbe se loro riuscissero a trovare qualche sopravvissuto del vero volo 815. Poi, lasciando Michael di sasso, Frank si allontana.

Michaelbomba

Michael si appresta a far esplodere la bomba sulla Kahana

Not yet

L'appunto “Non ancora” dentro la bomba

Alcuni giorni dopo, in mare aperto, Michael sente spari degli spari di un mitragliatore sul ponte e scorge Keamy che, assieme ad Omar ed ad altri due persone, stanno giocando al tiro al piattello. Michael si avvicina al gruppo e chiede incuriosito se loro siano lì per la missione di salvataggio o per cosa altro. Keamy, infastidito, lo allontana domandandogli se lui non abbia qualcosa da pulire. Poco dopo, nella sua cabina, Michael inserisce una chiave nella serratura che chiude la sua cassa: all’interno di essa l’uomo trova una valigetta. Michael, sorpreso, la afferra e raggiunge la sala macchine. Una volta giunto lì Michael apre la valigetta e scopre una plancia con alcuni strumenti di lavoro e, sotto di essi, una bomba. Michael inserisce un codice numerico e si appresta a premere il pulsante “Excute” di attivazione. In quel momento, però, dei sussurri lo circondano spaventandolo. Poi una voce di donna gli dice di non fare quello che sta per fare. Michael osserva Libby di fronte a lui; un attimo dopo la donna è scomparsa. Dopo averci pensato a lungo, poi, Michael trova il coraggio e preme il tasto attivando un conto alla rovescia: mentre i secondi scorrono Michael sussurra a Walt che gli dispiace. Quando i secondi esauriscono, però, nulla accade: a sopresa, però, un piccolo si apre sopra di fianco al tastierino numerico. Michael osserva sorpreso il bigliettino arrotolato che reca la scritta “NOT YET”, “NON ANCORA”.

Ben telephone

Ben parla a Michael dalla sua casa alle Baracche

Più tardi Michael gioca nella sua cabina lanciando una pallina contro il muro: Minkowski entra nella stanza e gli dice che una persona di nome Walt desidera parlargli al telefono. Michael, sorpreso, segue l’uomo nella sala radio e chiede a George di restare solo. Quando attiva la comunicazione Michael scopre però subito che non si tratta di Walt, ma di Ben che lo sta chiamando dalla sua casa nel Villaggio degli Altri. Michael, furioso, chiede a Ben spiegazioni sulla finta bomba che gli hanno fatto attivare. Ben risponde la finta bomba è servita a mostrare a Michael la differenza tra lui ed un uomo senza coscienza come Charles Widmore: quest’ultimo, infatti, quando è in guerra non ha alcuno scrupolo mentre lui, Ben, fa di tutto per non uccidere persone innocenti. Quando Michael replica come Libby ed Ana-Lucia fossero innocenti, Ben risponde che non le ha uccise lui ma lo stesso Michael e l’uomo sottolinea che nessuno glielo aveva chiesto. Ben ordina poi a Michael di compilare una lista di tutte le persone a bordo della Kahana; poi dovrà mettere fuori uso sia la sala comunicazioni della nave sia i motori così da impedire all’equipaggio di raggiungere l’isola e da salvare i suoi amici. Michael, pur se pieno di dubbi, accetta l’incarico. Ben gli dice che allora lui può considerarsi uno dei buoni e poi termina la comunicazione. Michael, rimasto solo, scoppia in lacrime.

Sulla Kahana Modifica

Desmond e Sayid stanno dormendo nella loro cabina quando l'allarme della Kahana comincia a suonare e li sveglia. I due, preoccupati, escono sul ponte della nave e vedono che il capitano Gault sta prendendo a pugni due uomini del suo equipaggio vicino ad un gommone pronto per essere calato in acqua. L’uomo, fuorioso, grida agli uomini che nessuno di loro può lasciare la nave senza il suo permesso e ricorda loro ciò che è successo a Minkowski e a Brandon quando avevano provato a compiere una fuga analoga. Riportata la situazione alla normalità, il capitano ordina a Michael di pulire il ponte dal sangue dei due ammutinati. Quando Michael si appresta ad eseguire gli ordini Sayid gli si avvicina e gli dice che vuole assolutamente delle risposte da lui e vuole sapere cosa lui faccia sul cargo. Michael, rassegnato, si allontana dicendo che è tornato per morire.

Il mattino seguente Desmond e Sayid scoprono che Michael si trova in sala macchine. I due scendono sottocoperta e raggiungono Michael che sta aggiustando il motore della nave assieme ad un altro membro dell'equipaggio. Quando Michel vede i due raggela. Sayid e Desmond spiegano che il Capitano li ha mandati a dargli una mano. Michael allontana allora il suo collega e cerca di evitare di guardare Sayid. L’uomo, però, afferra Michael per la camicia e lo sbatte violentemente contro il motore: Sayid intima a Michael di raccontargli tutto quello che è successo da quando si sono lasciati l’ultima volta e di farlo partendo dall’inizio: Michael, pur se controvoglia, inizia a raccontare.

Michaelgaultsayiddesmond

Sayid svela al capitano Gault la vera identità del mozzo Kevin Johnson

Alla fine del racconto Sayid chiede a Michael se lui ora stia veramente lavorando per Ben: Michael assentisce. Sayid allora aggredisce l’uomo e lo trascina a forza nella cabina del capitano Gault. Sayid spiega al capitano che il suo mozzo, l’uomo che si fa chiamare Kevin Johnson, è in realtà Michael Dawson, uno dei passeggeri sopravvissuti allo schianto del volo 815: Michael, oltre ad essere un assassino, ha tradito lui e tutti i suoi compagni.

Sull'isola Modifica

Sawyer, Claire, Alex, Karl, Danielle e Hurley sono nel salotto della casa di Locke, tutti in silenzio: Ben sta libero insieme a loro. Locke compare dal sotterraneo spingendo Miles, ancora legato. John dice ai suoi amici di sapere che in questi giorni la sua posizione è stata misteriosa nei loro confronti ma da ora in poi non ci saranno più segreti per nessuno: quello che sa lui lo sapranno tutti. L’uomo e Ben spiegano che Miles ed i suoi compagni sono stati mandati sull’Isola per catturare Ben e, una volta raggiunto il loro scopo, tutti gli abitanti dell’isola verranno uccisi. Ben rivela inoltre che la spia che lui ha sulla Kahana è Michael. Tra lo stupore generale di tutti viene allora deciso che da quel momento in poi Ben sarà considerato come uno di loro e verrà protetto dagli eventuali invasori che verranno a cercarlo.

Finita la riunione Locke sta conducendo Miles al sicuro quando Sawyer li raggiunge: l’uomo chiede a John come mai, se fra di loro non ci sono più segreti, lui si sia dimenticato di parlar loro del fatto che Miles abbia chiesto a Ben 3.2 milioni di dollari per mentire a Charles Widmore dicendogli di aver scoperto che Ben è morto. Locke risponde che quella notizia non gli era sembrata molto importante dato che è altamente improbabile che Ben possa trovare quel denaro sull'isola. Miles scoppia allora a ridere e spiega che pare proprio che Ben sappia sempre procurarsi quello che vuole dato che solo la settimana prima era loro prigioniero ed ora è libero di muoversi liberamente per il villaggio.

Nel frattempo, in casa, Ben consegna ad Alex una mappa: l’uomo scongiura Alex, Karl e Danielle di andarsene al più presto dal villaggio e di raggiungere il Tempio, l’ultimo luogo sicuro sull’isola dove sono diretti anche tutti gli Altri. Quando la ragazza protesta Ben spiega che presto degli uomini giungeranno sull’isola per venire a prenderlo e, se scoprissero che lei è sua figlia, potrebbero catturarla per ricattarlo. Danielle si dichiara d’accordo con l’uomo. Pur se malvolentieri Alex e Karl promettono che partiranno immediatamente e lasciano la casa.

Agguato

Alex si arrende dopo che Karl e Danielle sono stati colpiti da dei proiettili sparati da un misterioso aggressore

Parecchio più tardi, dopo aver camminato a lungo, i tre decidono di fermarsi per una pausa. Karl dice ad Alex di avere una sorta di brutto presentimento e chiede alla ragazza se lei sia certa che suo padre non li stia usando per i suoi scopi. Alex ribatte dei essere certa che suo padre voglia solo il suo bene e Karl afferma di volere altrettanto. Improvvisamente un proiettile sbucato da chissà dove perfora la borraccia di Karl. Pochi istanti dopo il ragazzo cade a terra, morto, colpito da un secondo proiettile. Alex si mette a gridare ma viene trascinata dietro un albero da sua madre. Danielle cerca di tranquillizzare la ragazza e le dice che al suo tre loro due dovranno correre il più velocemente possibile. La donna aggiungere che le vuole un gran bene. Dopo aver contato fino a tre Danielle comincia a correre ma viene immediatamente colpita da un altro proiettile e cade a terra morta. Alex, angosciata, solleva le mani in segno di resa e, urlando al suo misterioso assalitore, lo implora di non colpirla perché lei è la figlia di Benjamin Linus.


CuriositàModifica

GeneraleModifica

  • Questo è il primo episodio con un flashback ambientato anche sulla Kahana.
    • E' anche l'episodio avente il flashback più lungo in tutta la serie.
  • Michael sente i sussurri e ha una visione di Libby poco prima di attivare la bomba. Questa è la prima volta che si sentono i sospiri al di fuori dell'isola.
  • Nel flashback di Michael si possono notare diversi alberi di Natale, il che fa pensare che siamo già in dicembre 2004.
    • Nel sogno ci sono alcune differenze con la realtà: mancano gli addobbi natalizi e l'uomo nel lettino a fianco sta facendo un diverso trattamento e anche gli strumenti che monitorizzano Michael sono diversi.
  • L'apparizione di Tom a NY prende posto tra il giorno 74 e il giorno 80, visto che era alla Stazione Hydra prima del 74 e al villaggio il giorno 80.
  • La Kahana lascia le Fiji prima del giorno 87 (il 17 dicembre, il giorno in cui Naomi arriva sull'Isola).
  • Kevin Johnson e Dean Moriarty (ovvero Ben sul passaporto svizzero) hanno lo stesso numero di passaporto: HNS012153.(N.B. HNS sono le consonanti in HaNSo (Alvar Hanso))

Note di produzioneModifica

Tematiche ricorrenti Modifica


Tematiche ricorrenti in Lost
AnimaliBianco e neroIncidenti stradaliConnessioni tra i personaggiBambiniOcchiFato contro libero arbitrioBuoni e cattiviPrigioniaIsolamentoVita e morteParti del corpo mancantiSoprannomiI NumeriProblemi familiariGravidanzeGiustapposizioniPioggiaRinascitaRedenzioneRelazioniSacrificioSegretiSogniTempoTruffe e inganni
  • Michael dice che è sulla nave per morire. (Vita e morte)
  • Michael durante l'episodio cerca di uccidersi 5 volte: una volta con l'incidente automobilistico, una volta con la pistola nel vicolo, due volte con la pistola nel suo appartamento e una volta sulla nave. (Vita e morte) (Incidenti d'auto)
  • Mentre Michael nel suo appartamento cerca di suicidarsi, in tv va in onda un quiz. (Giochi)
  • Ben dice a Michael che può considerarsi uno dei "buoni". (Bene e male)
  • Michael è sulla nave per redimersi. (Redenzione)
  • Sayid rivela al capitano Gault che Michael è un "traditore". (Truffe e inganni)(Segreti dei personaggi)
  • Karl e Danielle vengono attaccati da assalitori sconosciuti. (Vita e morte)
  • Michael "vede" Libby due volte. (Sogni e visioni)
  • La madre di Michael è arrabbiata con Michael per il suo comportamento nei confronti di Walt. (Problemi familiari)
  • C'è un primo piano dell'occhio di Michael quando si sveglia all'ospedale. (Occhi)
  • Ben finge di essere Walt affinchè Michael risponda al telefono della nave. (Truffe e inganni)
  • La bomba che Michael deve far scoppiare sulla nave è un falso. (Truffe e inganni)
  • Già accennato in "Storia di due città", viene rivelato che Tom è gay. (Relazioni) (Segreti dei personaggi)
  • Tom dice a Michael (che sta cercando di uccidersi): "L'isola non te lo lascerà fare". (Fato contro libero arbitrio)
  • Miles suppone che il nome di Michel non sia Kevin, e dice che l'80% dell'equipaggio mente riguardo qualcosa. (Segreti dei personaggi)
  • Il timer della bomba parte da 15. (Numeri)

Riferimenti ad altri episodi Modifica

  • Michael vende l'orologio che Jin gli aveva dato. (La casa del Sol Levante) (Non nuocere)
  • Walt vive con la madre di Michael.Prima che il loro aereo decollasse,Michael le chiese di prendere Walt con lei. (Non nuocere)
  • La bomba che viene data a Michael ha il bottone "Execute",come il computer nella stazione Cigno. (Uomo di scienza, uomo di fede)
  • Michael dice a sua madre che vuole vedere Walt "perchè è mio figlio.E' un mio diritto," come aveva detto a Jack. (Linea di confine)
  • Prima di tentare il suicidio,Michael dice: "Mi dispiace", che è anche quello che dice prima di sparare ad Ana Lucia. (Due per la strada)
  • Quando Libby appare nella visione di Michael,sta trasportando delle coperte,cosa che stava facendo anche quando lui le sparò. (Due per la strada)
  • Prima di lasciare l'isola,Michael dice a Walt che ha ucciso Libby e Ana Lucia,ed è per questo che Walt lo odia. (Due per la strada)
  • Ben definisce Michael "uno dei buoni". Prima di lasciare l'isola,Michael gli chiese chi fossero e Ben rispose: "Noi siamo i buoni,Michael". (Si vive insieme, si muore soli)
  • Ben dice a Michael di fare una lista delle persone sulla nave,proprio come aveva chiesto a Ethan e Goodwin di fare la lista dei sopravvissuti al volo 815. (Storia di due città)
  • Viene rivelato che Tom è gay.Questo era stato alluso in un precedente episodio quando Tom disse che Kate non era il suo "tipo". (Storia di due città)
  • Tom conferma che l'Isola ha strani poteri quando si avvicina alla morte,dicendo a Michael che non potrà suicidarsi perchè "...l'Isola non te lo permetterà".
  • Michael diventa depresso e ha cerca di uccidersi dopo aver lasciato l'Isola,ma non riesce a togliersi la vita. Più tardi,Jack diventa depresso e cerca di suicidarsi dopo aver lasciato l'Isola,ma viene interrotto mentre cerca di uccidersi sul ponte.(Attraverso lo specchio)

Domande senza risposta Modifica

Domande senza risposta
  1. Non rispondere alla domande in questa pagina.
  2. Mantieni le domande aperte e neutrali: non suggerire già nelle tue parole la risposta.
Per le teorie su queste domande, vedi: Vi presento Kevin Johnson/Theories
  • Come fa Miles a sapere che Kevin non è il vero nome di Michael?
  • Perché Libby dice a Michael, "Non farlo"?
  • Chi sono gli Altri che possono venire e tornare sull'Isola?

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale